Città romana Parigi, 5 apr – Era rimasta fino ad ora largamente sconosciuta e molti dubitavano finanche dell’esistenza stessa della città romana di Ucetia. Ma grazie ai lavori per la costruzione di un collegio sono venuti alla luce nel sud della Francia gli spettacolari mosaici romani risalenti al I sec. a.C., ovvero all’epoca della conquista della Gallia di Giulio Cesare.

L’insediamento di Ucetia sarebbe stato abitato fino al VII sec. d.C. e gli scavi, iniziati ad ottobre 2016 da parte degli archeologici dell’Irap,  Institut national de recherches archéologiques préventives, hanno fatto riaffiorare un mosaico di 250 metri quadrati.

Secondo gli archeologi francesi avrebbe potuto ornare la sala di ricevimento di un edificio pubblico visti i motivi geometrici finemente realizzati e le immagini di animali, tra cui un cerbiatto, un’aquila, un gufo e un’anatra. Secondo Philippe Cayn, archeologo responsabile delle operazioni di scavo, si tratta di uno dei mosaici romani più grandi ritrovati in Francia. A sorprendere sono anche il periodo di realizzazione, considerato che la gran parte dei mosaici romani risalgono ad un’epoca successiva, e l‘ottimo stato di conservazione. L’opera scoperta è fondamentale poi per affermare con certezza l’esistenza dell’antica città, fino ad ora menzionata solo su una stele a Nimes.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 + diciassette =