Roma, 17 mag – Serve essere un padre per essere un buon governante? Ovviamente no, l’esperienza quotidiana ci dice che il fatto di aver messo al mondo dei figli non è garanzia di alcuna particolare dote etica, né il fatto di non averne può di per sé essere considerato un handicap. La politica, però, è anche simbolo. O storytelling, come si dice oggi. Ebbene, la storia che ci raccontano i leader dell’Europa attuale è fatta di sterilità, di incapacità di saper costruire un futuro.

Per la prima volta, i capi di governo di Italia, Francia, Germania e Inghilterra non hanno figli. Paolo Gentiloni, Emmanel Macron, Angela Merkel, Theresa May: quattro leader europei (beh, diciamo tre leader più Gentiloni) e zero figli. Non sono i soli: il premier olandese Mark Rutte è un “single felice”, quello del Lussemburgo, Xavier Bettel, è apertamente gay, la leader scozzese Nicola Sturgeon è senza prole dopo aver subito un’interruzione di gravidanza a 40 anni. Ognuno avrà avuto le sue buone ragioni per non procreare, per carità, ma tutti insieme fanno un quadretto desolante. È l’immagine di una civiltà che ha perso tutte le sue spinte propulsive, qualsiasi volontà fondatrice, ogni capacità di autoperpetuarsi.

Non che il familismo ipocrita e bigotto che regna in America sia meglio, con quelle famiglie perfettine e quel giornalismo che ritiene sia “etico” spiare dal buco della serratura. Del resto l’influenza di Ivanka su Donald Trump sembra a tutti gli effetti disastrosa, quindi in quel caso sarebbe stato meglio un matrimonio sterile. Resta il fatto che l’Europa proprio non riesce a svincolarsi dall’immagine decadente e terminale che si è cucita addosso da sola. Del resto le statistiche sulla demografia parlano chiaro. Le stesse statistiche che poi inducono i suddetti leader a chiederci di accogliere più immigrati per “ripopolare” le nostre città e pagare le nostre pensioni. Gli immigrati: gli unici soggetti che oggi sia permesso accudire e coccolare.

Adriano Scianca

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

19 − diciassette =