Le “fake app” di Facebook: così Zuckerberg ha copiato un software dagli italiani

Business CompetenceRoma, 7 mar – Si vuole buono e bravo, ma a quanto pare Zuckerberg è bravo soprattutto a copiare. Dagli italiani. La software house Business Competence, che ha sede a Cassina de Pecchi, nel milanese, ha infatti sconfitto Facebook in tribunale. Il colosso di Zuckerberg sarà costretto a ritirare la sua applicazione Nearby, la app in grado di individuare l’utente tramite la geolocalizzazione e segnalare negozi, bar e ristoranti nelle vicinanze in base ai gusti personali e ai giudizi degli amici.


Secondo i giudici di Milano, Facebook è incorso nel reato di concorrenza sleale e violazione del diritto d’autore. Tutto nasce quando Business Competence aveva sottoposto l’applicazione Faround all’approvazione di Facebook nel 2012, per poi vedere una app del tutto simile – Nearby, appunto – pubblicata pochi mesi dopo. I giudici parlano di “univoci e concordanti indizi” che evidenziano si sia trattato di un plagio. Tra gli elementi utilizzati dai giudici per sottolineare il plagio, il tempo ravvicinato tra il giorno in cui gli italiani hanno presentato agli americani il prototipo di Faround ed il lancio da parte di Facebook dell’app clone, avvenuto pochi mesi più tardi.

Stando ai giudici, infatti, il lancio di Nearby da parte di Facebook è stato possibile in tempi molto brevi poiché gli ingegneri di Menlo Park avevano in mano il codice sorgente dell’app italiana. La sentenza della sezione specializzata in materia di Imprese del Tribunale di Milano risale allo scorso 1° agosto, ma è stata pubblicata solo in questi giorni. Facebook ha già annunciato appello contro la decisione, ma la Corte d’Appello ha già respinto, il 28 dicembre, l’istanza per la sospensione dell’esecutività della sentenza: Nearby dovrà essere ritirata quindi da tutto il territorio italiano.

Roberto Derta

Print Friendly
Image Donation-Banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.