mulinoImperia, 19 nov – Il 28 febbraio 2014 sarà l’ultimo giorno di produzione per lo storico mulino Agnesi di Imperia. Un reparto che da 190 anni rappresenta il cuore dello stabilimento ligure di proprietà del Gruppo Colussi. Si archivia così, tristemente, un pezzo di storia italiana. Agnesi è infatti il più antico marchio di produttori di pasta del nostro Paese tra quelli ancora in attività, in vita dal 1824. All’origine della decisione la crisi di mercato e la necessità aziendale di ridurre i costi. Ma inevitabilmente le conseguenze più drastiche ricadono sui lavoratori dell’impianto di molitura.

Il segretario provinciale della Cgil, Gianni Trebini, è stato chiaro: “La chiusura di uno stabilimento storico non rappresenta però soltanto la fine di un’era ma, cosa ben più grave, la perdita di lavoro per 131 lavoratori impiegati nella struttura e mette in discussione il futuro stesso del marchio fortemente legato all’economia del capoluogo di provincia ligure. L’azienda ci ha comunicato che la chiusura sarà definitiva e inappellabile e quindi non possiamo che prenderne atto. A questo punto però chiediamo al sindaco Carlo Capacci di assumersi le sue responsabilità e intervenire nella vicenda, per garantire delle prospettive al resto dello stabilimento. Anche perché questo è un problema che va al di là dei posti di lavoro. Qui stiamo parlando di un simbolo di Imperia e quindi di un bene di tutto il territorio. Senza contare che la chiusura del mulino avrà immediate ripercussioni anche sulla filiera, a cominciare dai lavoratori della vicina banchina portuale onegliese, che non vedrà più attraccare la nave che porta il grano”.

Intanto il Pdl imperiese ha presentato ieri una mozione in Consiglio Comunale, appellandosi al sindaco: “L’Amministrazione non può liquidare il problema come irrisolvibile a priori. Il Gruppo Colussi è un privato e certamente persegue il proprio interesse commerciale, in questo momento gravemente compromesso dalla crisi del mercato, ma l’Amministrazione Comunale deve prendere posizione e non lasciare che le cose vadano inesorabilmente verso la chiusura del mulino e dello stabilimento”.

Eugenio Palazzini

 

Commenti

commenti

3 Commenti

  1. […] Intanto il Pdl imperiese ha presentato ieri una mozione in Consiglio Comunale, appellandosi al sindaco: “L’Amministrazione non può liquidare il problema come irrisolvibile a priori. Il Gruppo Colussi è un privato e certamente persegue il proprio interesse commerciale, in questo momento gravemente compromesso dalla crisi del mercato, ma l’Amministrazione Comunale deve prendere posizione e non lasciare che le cose vadano inesorabilmente verso la chiusura del mulino e dello stabilimento”. Fonte […]

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here