viazampieriBologna, 7 Agosto – Una casa assegnata regolarmente dall’Ater nel lontano 1951, dopo che quella di famiglia era andata bruciata nel periodo bellico, nella quale aveva vissuto fino a pochi anni fa con la vecchia madre. Gianni Ghelardi, un bolognese di 73 anni lì dentro aveva i ricordi di tutta una vita. Quando si è allontanato per due settimane, come fa spesso l’estate per lavorare nei campi a Grizzana Morandi, non poteva certamente immaginare l’amara sorpresa che avrebbe trovato al ritorno.

La casa era infatti stata occupata da una famiglia africana che, indisturbata, oltre a cambiare la serratura aveva venduto anche tutti i mobili di Ghelardi. Al suo tentativo di rientrare, ovviamente un diniego. La coppia di extracomunitari ha solo aperto all’arrivo della polizia, e solo il tempo per far constatare all’anziano che tutta la sua vita, beni, materiali e affettivi, tutti i suoi ricordi, non c’erano più. Venduti per sempre a chissà chi.

All’interno ormai, solo i nuovi mobili dei due africani. Com’è finita? La coppia extracomunitaria è ancora dentro alla casa, per ora di fatto espropriata. Riaverla indietro sarà una lotta dura e forse anche vana.

Questo, nel 2014, può succedere a chiunque a Bologna o altrove in Italia.

Gustavo De Fornari

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

12 − 3 =