Cr7: il nuovo Pallone d’oro fra realtà e leggenda (metropolitana)

C-Ronaldo-cristiano-ronaldo-soccer_artRoma, 14 gen – Lionel Messi e Cristiano Ronaldo: un po’ come vedere Pelé e Maradona giocare nella stessa epoca e a ritmi dieci volte più accelerati. La sfida fra le due star della Liga vede per quest’anno trionfare il portoghese, fresco vincitore del Pallone d’oro per quale era in corsa, oltre a Ribery, anche “la Pulce” del Barcellona, che del resto viene da un quadriennio di dominio assoluto, almeno per i giurati dell’Equipe.

Oltre allo scontro tecnico-sportivo, tuttavia, quello tra la stella del Real e il suo rivale del Barcellona è anche un confronto fra due diversi immaginari. Atletico, bello, apparentemente antipatico Ronaldo laddove Messi è piccolino, ha la faccia da bravo ragazzo e senso delle pubbliche relazioni. Poco importa se poi le voci degli addetti ai lavori dicono che il primo sia molto più affabile del secondo, che invece pare mal sopportare la concorrenza interna e le voci scomode nello spogliatoio.

Di sicuro Messi, al di là delle qualità tecniche indiscutibili, ha tutte le carte in regola per essere quello che Pelé o Zidane sono stati e in parte sono tutt’ora: i campioni “ufficiali” della Fifa, quelli da mettere nelle pubblicità progresso, che creano consenso e non danno problemi. Leo è il ragazzo a cui le mamme consegnerebbero volentieri la figlia per il ballo di fine anno, Cr7 ha decisamente un’altra immagine pubblica, complici anche i gossip piccanti del passato. Del resto l’argentino ha dalla sua anche la storia del bambino sfortunato e della redenzione dalla malattia (l’ipopituitarismo), che in un’epoca umanitarista ha sempre il suo fascino.


C’è, infine, un altro aspetto che appassiona i tifosi di entrambi i campioni e che, curiosamente, si interseca con l’eterna questione mediorientale. Secondo una vulgata del web, infatti, Ronaldo sarebbe un sostenitore della causa palestinese laddove invece Messi propenderebbe per le ragioni di Israele. Qui, tuttavia, la cronaca sconfina abbondantemente nel terreno minato delle leggende metropolitane.

Il mito di un Cr7 “antisionista” è alimentato dalla rete mettendo semplicemente in fila una serie di bufale e qualche mezza verità.

Si inizia con la storia del portoghese che, al termine di un Israele-Portogallo, si sarebbe rifiutato di scambiare la maglia “con degli assassini” (il virgolettato si riferisce alle presunte spiegazioni date dal calciatore negli spogliatoi e di cui, ovviamente, non esiste prova alcuna). I filmati diffusi enfaticamente in rete (vedi video) mostrano solo Ronaldo che lascia il campo, stringendo anzi le mani ad almeno un avversario, senza rifiutare platealmente alcunché.

isrNella stessa circostanza si vocifera di un’intervista ad al Jazeera in cui, alla domanda se si trovasse in Israele o in Palestina, l’attaccante avrebbe risposto che senza dubbio riteneva di trovarsi in terra palestinese. Un virgolettato molto netto, riportato da più siti, curiosamente senza mai linkare alcun video a supporto della veridicità dell’aneddoto. È semmai vero, al contrario, che su Facebook, proprio in occasione di quella trasferta, Cristiano ha pubblicato una foto insieme ad altri calciatori portoghesi con la didascalia: “Great morning in Israel with my colleagues”.

Cristiano RonaldoCircola, infine, una foto di Cr7 che espone soddisfatto un cartello con la scritta “Todos con Palestine”. Peccato che l’immagine sia sinistramente identica a quella del giocatore in visita a Lorca dopo il terremoto. In quel caso, Ronaldo esponeva un cartello con scritto “Todos con Lorca”.

C’è invece del vero dietro la donazione del calciatore ai bambini di Gaza. Ronaldo ha infatti donato la sua Scarpa d’Oro, che ha ottenuto nel 2011, alla fondazione del Real Madrid. La fondazione a sua volta l’ha venduta all’asta e il devoluto è andato per le scuole di Gaza (anche se in altre occasioni l’attaccante avrebbe effettuato donazioni ai palestinesi senza l’intermediazione della società, per esempio donando 2300 euro ricavati dalla messa all’asta dei suoi scarpini).

La fondazione del Real Madrid è infatti da sempre molto vicina alla popolazione palestinese, con diverse azioni di solidarietà. Ma va detto che la società madridista ha contribuito alla costruzione di 167 scuole in 66 paesi. Tra i quali figura anche Israele.

Insomma, calcisticamente parlando Cristiano Ronaldo è sicuramente una leggenda. La sua presunta militanza nazionalrivoluzionaria è invece una leggenda… metropolitana.

Adriano Scianca

Print Friendly
Image Donation-Banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.