scuolafatiscenteRoma, 12 ott – Non solo una didattica scadente ma anche strutture fatiscenti e non adeguate. Questa l’immagine della scuola italiana che emerge dall’undicesimo Rapporto sulla sicurezza degli edifici scolastici, che ha preso in considerazione le scuole di 18 regioni italiane. Tragici i risultati: una scuola su sette ha lesioni strutturali, in una su cinque ci sono distacchi di intonaco e nell’ultimo anno si sono contati 29 crolli di diversa natura. Atti di vandalismo in un terzo delle scuole.

Il 39% delle scuole presenta uno stato di manutenzione del tutto inadeguato (lo scorso anno era il 21%).Nel 13% dei casi, barriere architettoniche e pavimenti sconnessi ostacolano la vita agli studenti disabili, il 51% delle aule è senza tapparelle o persiane e il 28% ha le finestre rotte. Il 41% dei bagni è senza sapone e il 50% senza carta igienica. Interessante il dato sul sovraffollamento: una classe su cinque ha più di 25 alunni e 47 classi sono risultate fuori legge. Totalmente trascurati gli studenti disabili: il 64% degli istituti ha i posti auto riservati ai disabili però nel 27% mancano le rampe all’ingresso, nel 35% mancano gli ascensori e nel 23% mancano bagni per i disabili. Il dato sulle palestre è scandaloso e dimostra l’approccio culturale con cui si è trattato lo sport negli ultimi decenni: il 28% delle scuole non ha una palestra. Spesso presentano distacchi di intonaco (19% dei casi), muffe e infiltrazioni (24%), barriere architettoniche (18%), fonti di pericolo (23%). Nell’8% dei casi non hanno alcun tipo di attrezzatura e quasi una su due (44%) è priva di cassetta di pronto soccorso.

Questi i risultati delle politiche governative che non hanno puntato sulla scuola, non perché non ci siano i soldi ma perché non ci si crede. Non si crede che la scuola e la cultura siano settori su cui investire. Non è infatti possibile che l’educazione, che deve essere gestita dallo Stato, si foraggi ogni anno anche grazie ai 390 milioni di euro derivati dal contributo volontario e da altre donazioni provenienti dalle famiglie mentre i governi che si sono susseguiti continuano a tagliare indiscriminatamente su scuola e università.

Michael Mocci

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tredici + dieci =