Ma è la Marina o Amici di Maria De Filippi? I nostri soldati si coprono di ridicolo (VIDEO)

Schermata 2016-02-05 alle 13.56.55Roma, 5 feb – Ma perché tutto deve sempre diventare una barzelletta in questa nazione? E’ giusto che anche chi dovrebbe difenderla, e quindi mostrare (pure) i muscoli, si auto rappresenti alla stregua di un ballerino emotivo di Maria De Filippi? Per noi del Primato Nazionale no, non è giusto ed essere coglioni non vuol dire essere “simpatici”. Si chiama cialtroneria. L’ultimo video promozionale prodotto dalla strabiliante comunicazione della nostra Marina Militare ne è un esempio perfetto, con i nostri marinai che ballano, cazzeggiano e ridono sguaiatamente, raccontandoci che su un’imbarcazione militare alla fine puoi comportarti più o meno come se fossi al Club Mediterranèe.


Come non bastasse l’operazione Mare Nostrum e il fatto che le nostre navi siano diventate dei traghetti per immigrati a gettare discredito sulle nostre forze di mare, chi gestisce la comunicazione della Marina pensa bene di metterci sopra il carico. E’ il caso della campagna di arruolamento che utilizza l’inglese e non l’italiano, dove invece di chiederti di “entrare in Marina” o di “arruolarti” ti dice “Be cool and Join The Navy“, segno del peggior provincialismo e conferma ulteriore (semmai ce ne fosse bisogno) di arruolarti nell’esercito di una colonia americana. Ma è anche il caso delle interviste di chi ha scambiato la Marina per Amnesty International, come il “Tenente Catia”, la cui missione non è quella di difendere l’Italia e i suoi confini, ma “salvare vite umane”.

E adesso questo mirabolante video in cui tutti diventanto ballerini sulle note di “Happy” di Pharrell Williams. C’è da dire che ogni tanto almeno sulla pagina Facebook della Marina Militare qualche immagine fomentante e cazzuta c’è, come quelle delle nostre forze speciali o quella in cui si mostra un sottomarino super tecnologico corredando l’immagine con il testo dell'”Inno (fascista) dei Sommergibilisti”. Ma non è possibile che per “compensare”, per paura di apparire troppo cattivi, si debba sempre poi cadere nella cialtroneria e nel ridicolo. Perché almeno la difesa armata dell’Italia deve rimanere una cosa seria. E perché anche dal punto di vista della comunicazione questa supposta “simpatia” per aspiranti Fedez non paga.

Davide Di Stefano

Print Friendly
Image Donation-Banner

37 Risponde a Ma è la Marina o Amici di Maria De Filippi? I nostri soldati si coprono di ridicolo (VIDEO)

  1. Paolo 5 febbraio 2016 a 15:40

    La parte più esilarante del video è quando fanno “ballare” persino la torretta del cannone binato… non ho più parole!!!

    Rispondi
  2. mao 5 febbraio 2016 a 15:58

    è ora di finirla con la battaglia per i due detenuti in india.
    capito di stefano?
    per cosa li facciamo tornare ? per aiutare catia e la scelta di catia ? per fare servizio coi colleghi tra libia e lampedusa ?
    basta dai.
    oltretutto non hanno neppure la dignità per accettare il loro destino.
    ma dico io: come cazzo fanno i test di assunzione ?
    a leggere quel che ha scritto il mercenario italiano una settimana fa ……

    Rispondi
    • angelo catalano 11 febbraio 2016 a 16:34

      infatti non si capisce come abbia potuto superare le visite mediche un tizio con una malformazione congenita al cuore

      Rispondi
    • Paolo 9 settembre 2016 a 15:07

      Potremmo fare uno scambio, mandando te al loro posto.

      Così siamo tutti felici.

      Rispondi
  3. Marco 5 febbraio 2016 a 16:58

    Sono goliardate che sono sempre accadute in ambiente militare, solo che se lo fai per i casi tuoi giustamente ti cazziano, se lo fai in modo organizzato è un bel modo per scaricare la tensione.
    Insomma, questo è un articolo di un parrucconismo senza eguali. 🙂

    Rispondi
    • Redazione 5 febbraio 2016 a 17:54

      Marco un conto è scaricare la tensione o lasciarsi andare a qualche goliardata. Internamente. Un conto è organizzare un video simile (che non è assolutamente spontaneo), per trasmettere un messaggio all’esterno e in particolare a chi vuole arruolarsi. Questa è la critica.

      Rispondi
      • ThatsKindaFun 6 febbraio 2016 a 21:32

        ‘na risata no, eh?

  4. Giulio 5 febbraio 2016 a 18:09

    Ma basta dire cazzate su. Sempre a criticare e sparare a zero su tutto…tra l’altro non avete nemmeno idea del lavoro che svolgono le forze armate italiane…fate i saccenti e i saputelli del cazzo solo per fare qualche visualizzazione, vi fate belli fingendovi indignati per questo video perché mette in ridicolo la marina e le forze armate e non contenti addirittura vi permettete il lusso di offendere chiamandoli cialtroni quando non siete degni nemmeno di lustrargli gli stivali…voi falliti pseudo giornalisti siete la vera rovina dell’Italia.
    VERGOGNA!!!

    PS. Gli americani tempo fa hanno fatto questo video https://youtu.be/nRtpYYWHkfQ e ti assicuro che a livello internazionale non hanno messo in ridicolo il loro corpo…al contrario hanno accresciuto la stima e la simpatia!!!

    PATRIA E ONORE

    Rispondi
    • Barry66 7 febbraio 2016 a 21:19

      Bravo!

      Rispondi
  5. Emanuele 5 febbraio 2016 a 18:47

    Scusa Giulio,di marina so poco e niente ho un paio di amici che hanno scelto di fare 3 o 4 anni in marina militare,per poi andare a lavorare per la marina civile ,ma anche se hanno fatto questa scelta ,con già in mente dei lauti stipendi ,hanno servito il paese e come tale hanno il mio rispetto..Io mi sono fatto come tanti ,un anno di naja e per 12 mesi oltre a rendermi più uomo,mi hanno inculcato il rispetto per il mio paese e per la mia divisa…Anche se trovo eccessivi i toni del giornalista ne condivido lo sdegno,senza mezzi termini come mi incazzo a vedere Renzi con la mimetica mi incazzo a vedere questi che ballano con questa musica da spogliarelliste..la divisa è una cosa seria

    Rispondi
  6. enrico 5 febbraio 2016 a 18:53

    l’idea di proporre una Forza Armata in modo diverso e più leggero in fondo non la reputo una cosa malvagia, ma il filmato poteva essere fatto molto meglio. dalle immagini emerge che a bordo si pensa solo a ballare e alle magnate all’italiana. e in fin dei conti non strappa nemmeno un sorriso…

    Rispondi
  7. Luigi Centore 5 febbraio 2016 a 19:38

    Secondo me appena usciti dalle Scuole CEMM eravamo più seri di questi che vediamo nel video, e pensare che nel video si vedono soltanto graduati sergenti, capi di 3 in su, S.Ten di Vascello e belle signorine. Mai ci avrebbero permesso questa pagliacciata, spot pubblicitari che deridono loro stessi, Certo possono ballare tranquillamente navigando in un mare calmo come l’olio, con navi all’ultimo grido, forse non avrebbero ballato così se navigavano su una corvetta della classe De Cristofaro, o Ibis o altre con mare mosso per andare a portare soccorso a navi in difficoltà nel canale di Sicilia. Oggi possono permetterselo perché siamo diventati tassinari e complici di scafisti senza scrupoli. Luigi Centore Ex allievo Scuole CEMM La Maddalena
    Sal 67/VO. Oggi l’Ammiraglio Gino Birindelli e tanti altri si sono rigirati nella tomba. UNA VOLTA CI SI CREDEVA ORA LO STATO NON C’E’ PIU’ mi sembra la Marina dell’esercito di Re Franceschiello, che davano il dietro front al grido di FACCIA A ME E CULO A SAN FRANCISC. Povera Marina nostra. una volta lo spot era semplice un manifesto con un giovane marinaio e con scritto VIENI IN MARINA SARAI UN TECNICO E GIRERAI IL MONDO. Forse oggi i graduati li fanno con le fotocopie. Condivido L’articolo

    Rispondi
  8. enrico grilli 5 febbraio 2016 a 20:06

    MI SEMBRANO UNA MANICA DI GAY !! ROBA DA MATTI !!
    W I REPARTI INCURSORI !!

    Rispondi
    • Bho 5 febbraio 2016 a 21:30

      Pseudogiornalista del c”””o non capite niente

      Rispondi
  9. Luisa 5 febbraio 2016 a 21:43

    A me sembra una goliardata… Certo, qualche scena avrebbero potuto risparmiarcela, ma fa ridere…

    Rispondi
  10. Anonimo 5 febbraio 2016 a 21:50

    Salve sono un sottocapo della MARINA MILITARE ITALIANA voi nn avete idea del lavoro che facciamo giorni e giorni lontani dai nostri affetti più cari tanto spirito di sacrificio notti su notti senza dormire senza mangiare per i soccorsi ke facciamo per non parlare del riskio ke corriamo quindi percortesia STATE ZITTI NON SIETE DEGNI DI NOMINARCI qst video è stato solo un modo goliardico per ringraziare i nostri concittadini per aver preferito la Marina alle altre forze armate punto è basta P.S. VERGOGNATEVI PER QUELLO KE AVETE COMMENTATO QUI SOPRA

    Rispondi
    • Anonimo 5 febbraio 2016 a 23:00

      Ma vergognati tu!!! Non hai neanche capito il senso della polemica come gli altri due personaggi che la pensano come te… Io sono degno anche di dire che sono d’accordissimo con l’articolo, perchè anche io so che significa portare una divisa, e posso assicurarti che la mia forza armata non si sognerebbe mai di fare un video così ridicolo e grottesco…
      essere d’accordo con questo spirito, da militare, lo trovo realmente vergognoso…peccato, pensavo che il marinaio generico medio della nostra MM fosse più serio… Dovrò ricredermi… State diventando come gli “sportivi” aeronautici… E poi ci chiediamo perchè l’Italia sta andando a rotoli… Mah!!!

      Rispondi
    • Marco79Le 6 febbraio 2016 a 0:31

      Ma poi..Goliardia, non avete idea del lavoro che fanno le FA, l’idea di proporre le FA in modo più leggero..ma che cazzo state dicendo…Pensate voi meglio ai sacrifici e alla merda che hanno dovuto ingoiare quelli prima di Voi e senza tante lagne..che adesso sono più i privilegi e le comodità che avete che tutto il resto….

      Rispondi
  11. Marco79Le 6 febbraio 2016 a 0:19

    Ma quale goliardia…è una pagliacciata e basta..!!! Se penso a mio nonno in guerra..e poi a sti quattro pagliacci mi vien da vomitare!! Comunque è lo specchio della società attuale..non c’è più il senso del dovere e del sacrificio dei nostri nonni..

    Rispondi
  12. Anonimo 6 febbraio 2016 a 9:53

    a VOI VE FA INVIDIATA LO STIPENDIO ANDATE A ZAPPARE LA TERRA PECORONI DEL CAZZO W L ITALIA W LA MARINA MILITARE

    Rispondi
  13. Andre 6 febbraio 2016 a 10:22

    Ma perché tutto deve sempre diventare una barzelletta in questa nazione?
    Semplice, perché non è più una Nazione ma al massimo un paese colonizzato politicamente e culturalmente

    Rispondi
  14. Anonimo 6 febbraio 2016 a 11:18

    Siete incredibile facile parlare per chi non ha mai navigato….voleva solo essere un gesto goliardico….fatelo un sorriso non polemizzate su tutto…siete pesanti

    Rispondi
  15. Andrea Costa 6 febbraio 2016 a 12:26

    Invece di stare semplicemente (e giustamente) ad insultare, perchè non proviamo a danneggiare i responsabili di questa miserabile pagliacciata? “Il Primato” potrebbe cominciare con una petizione su Change.org e con l’aprire una pagine FB

    Rispondi
  16. Massimiliano 6 febbraio 2016 a 15:25

    Nel 1941 la Marina italiana era pronta a passare al nemico ammiraglia in testa.
    Nel 1942 con i nostri soldati in Egitto contribuirono sollevare le sorti inglesi imboccando nei porti senza difendere la marina mercantile.
    Nel 1943 con i fanti della Livorno che attaccavano Gela e gli americani sulla difensiva rifiutarono di attaccare la marina alleata che sparava sui nostri soldatini indisturbata. Pochi mesi dopo si arrende tetro senza combattere sfilando in catene a Malta che avevano giurato di conquistare.
    Di cosa stupirsi?

    Rispondi
  17. Pasquale 6 febbraio 2016 a 19:34

    lo scorso anno con la campagna pubblicitaria, promossa con la frase “be cool Join the Navy”, la MarinaMilitare, a differenza delle altre F.A.o Corpi armati, ha ottenuto il maggior numero di richieste di arruolamento, pertanto, obbiettivo raggiunto.
    Naturalmente non possiamo pensare che una F.A. possa presentare le sue credenziali con cannoni che sparano, sommergibili che lanciano siluri, aerei che bombardano o marinai che combattono. No, non è certo questa LA COMUNICAZIONE, quindi, con il suo video, ritengo che l’Autorità voglia promuovere la Marina come un’opportunità di lavoro ovvero quella di imparare una professione da far valere anche nella vita civile.
    A margine di quanto sopra, come privato cittadino sono da sempre schierato per la difesa della nostra bellissima lingua italiana, come giornalista (ove lo fossi), starei attento a criticare quella inglese in quanto, avendo il mezzo della della comunicazione, quindi uno strumento di assoluta delicatezza, mi asterrei di scimmiottare parole inglesi come quelle che escono dal nostro parlamento (pretorio degli ignoranti)delle quali la maggior parte degli italiani non ne conosce il significato.
    …W la Marina Militare!

    Rispondi
  18. Anonimo 6 febbraio 2016 a 22:49

    Grazie pasquale per le belle parole viva la marina militare e tutti noi marinai ke navighiamo

    Rispondi
  19. Antonio 7 febbraio 2016 a 0:54

    Ma il primato nazionale (primato di che) deve stare proprio messo male se non ha altre notizie da dare, questo è solo un video diverso dagli altri che mostra che i ragazzi che indossano una divisa sono come tutti gli altri e non dei robot, i tempi cambiano ma il primato nazionale è rimasto ai tempi del nonnismo.

    Rispondi
  20. GINO 7 febbraio 2016 a 7:55

    articolo davvero bassa lega, utile solo ad alzare questioni inutili.
    Quei militari, in servizi 24 ore su 24 , settimane intere , anzi mesi lontani dalle famiglie e con contratti lavorativi fermi da oltre 5 anni e senza una carriera, un riordino dei gradi perché fermo dal 1996 !! eh allora perché’ non scrivete su questo?
    PERCHE’ SIETE UNA MASSA DI IPOCRITI BIGOTTI E PEBENISTI !
    Ecco cosa produce il comunismo, solo povertà e discriminazione.
    Poi sono loro i primi ad andare sulla prima pagina delle testate giornalistiche per i peggiori scandali.
    TACETE CHE FATE MEGLIO FIGURA

    Rispondi
  21. Lucy 7 febbraio 2016 a 8:01

    ma lo pagano a chi ha scritto sto articolo o è uno in cerca di occupazione?
    io un idea forse ce l’ho… mica l’avranno buttato fuori dalla M.M.?
    provi a scrivere su qualcos’altro perché questa volta gli è andata male.
    Nessuno può distruggere la grande famiglia M.M. e di tutto il resto delle FF.AA. perché , per quello che ci da lo Stato, nonostante tutto andiamo a testa alta ovunque e comunque !!!
    A differenza sua che farebbe bene a produrre articoli , solo che come inizio gli è andata male ma proprio maleeeee
    ciao a bellicapè

    Rispondi
  22. danilo 7 febbraio 2016 a 12:57

    Sinceramente secondo me la rovina di questa Italia sono i politici i sindacalisti e certamente gran parte dei giornalisti

    Rispondi
  23. Luigi Centore 7 febbraio 2016 a 19:43

    Illustre sottocapo, quelle notti e notti e spesso saltato il rancio le abbiamo fatte prima di voi ed altri ancora prima di noi Noi siamo stati addestrati alle Scuole CEMM, quando il grado di sottocapo te lo dovevi guadagnare e non che veniva per anzianità. Questo video fa ridere tutto il mondo, i miei vecchi compagni di corso, sparsi per il mondo ci comunicano che stanno ridendo in tutti i paesi, non credo ad una gogliardata, perché la gente vede nella Marina e nel suo personale gente seria che non avrebbe mai fatto un filmino del genere. Forse visto che ballano uomini e donne qualcuno potrebbe male interpretare, questo video assomiglia più ad un filmino hard. Poi illustre anonimo sottocapo, in Marina non ci si vergognava di mettere il proprio nome e cognome, nascondersi era da vigliacchi. E poi noi non dobbiamo vergognarci di nulla vergognarsi dovrebbero farlo soprattutto quelli che hanno permesso che si mettesse in circolazione un video del genere. Ma come ho già detto Ammiragli come Gino Birindelli non credo che ne siano del resto la storia dei due “Marò” docet.

    Rispondi
  24. Luigi Centore 7 febbraio 2016 a 20:01

    All’anonimo e quanti ritengono che oggi stanno lontano da casa, a quanti citano pezzi di storia impropriamente dimenticandosi dello scontro di Capo Matapan dove ci furono in tre minuti tremila morti e altrettanti naufraghi fatti prigionieri dagli inglesi, tre corazzate pesanti, ed altre unità affondate, dove affrontarono la flotta inglese senza radar a differenza degli inglesi e non si tirarono indietro combatterono fino allo stremo delle forze, o vogliamo ricordare l’assalto ad Alessandria d’Egitto con i maiali Duran De La Pen le ricorda nulla? l’assalto con i barchini imbottiti di esplosivo contro navi nemiche nei porti della Grecia barchini condotti da uomini come Gino Birindelli vi ricorda nulla, credo che non è questa la marina che ci hanno lasciato. Io come me tanti ragazzi ci siamo arruolati per passione o per tradizione ma tanti vedendo nelle piazze dei propri paesi un semplice manifesto dove si vedeva una bella figura di giovane marinaio con il nastrino del cappello (la famosa caciotta ancora in essere) che sovrastava la foto di un incrociatore con sotto una scritta “Vieni in marina sarai un tecnico girerai il mondo” Facciamola finita con questo piagnisdeo di mesi per mare, lontano dalle famiglie, personalmente dopo un anno di imbarco sulla corvetta De Cristofaro del Conflotscuol di Augusta andavamo tutti i giorni per mare e ci restavamo diversi giorni, tanto che si usava dire: Noi le crociate alle unità di squadra le crociere e con questo non ci siamo mai lamentati, se volete stare a casa arruolatevi altrove in marina ci si arruola per andare per mare

    Rispondi
  25. Giovanni 9 febbraio 2016 a 6:23

    Basta..!!!
    mi sento OFFESO… di queste critiche… da saputoni…
    VOI che criticate Tanto…
    Siete MAI… stati lontani dalle Vostre Famiglie Mesi…
    con la possibilità di sentirli (se va bene) una volta alla Settimana
    Avete MAI… lavorato con Mare Forza 5… (se no oltre)
    …dove per giorni non riesci a chiudere occhio per riposarti…
    Avete MAI… Visto il Volto di un Bambino impaurito dalla GUERRA…
    Potrei elencare Dozzine di cose che noi facciamo e viviamo…
    ma mi voglio fermare qui.
    Questi sono rari momenti di svago per alleggerire la tensione…
    Provate VOI… il Nostro lavoro… vediamo se siete capaci di commentare in questo Modo…

    UNO DI LORO

    Rispondi
    • Paolo 9 settembre 2016 a 15:05

      Come tutti gli altri indignatissimi “Soloni de’ noantri” che hanno difeso il video, e criticato l’ articolo, anche tu non hai capito assolutamente nulla.

      Il senso dell’ articolo, è che proprio per il fatto che fate un lavoro estenuante ed anche pericoloso, che state lontani da casa, eccetera, meritate di essere presentati con un’immagine adeguata, anche allegra, perchè no, ma comunque seria e rispettabile. E non certo come una pagliacciata da grigliata dell’ unità.

      Ma come si fa a prendere sul serio una torretta coi cannoni che balla? Dai ma fate il piacere tutti quanti!!!

      E soprattutto : spacchettare il cervello dal cellophane, please!!!

      Rispondi
  26. Anonimo 9 febbraio 2016 a 20:46

    Per chi non ha vissuto sulla nave non si può permettere di giudicare, non è facile stare a mare per tanti mesi ve lo assicuro. Cmq questi video vengono fatti il giorno di Santa Barbara, la protettrice dei Marinai e quel giorno è l’unico dove tutti i marinai posso fare quello che vogliono

    Rispondi
  27. Daniele Marziali 10 febbraio 2016 a 11:47

    in questo paese il giornalismo è sempre più pietoso!! soprattutto quando chi scrive è seduto su una poltrona e critica gente che si fa il culo un giorno sì e l’altro pure!! articolo ridicolo al quadrato!!

    Rispondi
  28. angelo catalano 11 febbraio 2016 a 15:45

    Sono un diplomato nautico con 60/60. Racconto brevemente la mia esperienza. Per fare l’Ufficiale mi hanno trovato peli alle visite mediche. Per fare il militare di leva pero’ fui idoneissimo; mi mandarono a lavare piatti su nave Magnaghi. I militari di leva erano avanzi di galera; i sottufficiali tutti ubriaconi e semi-analfabeti; gli ufficiali tutti boriosi e spocchiosi, convinti di avere inventato il principio di Archimede e quindi che le navi galleggiassero grazie a loro e non loro che galleggiavano grazie al contribuente che pagava e paga da sempre ignaro. La Marina e’ una corporazione blindata, accessibile ai figli di ufficiali ed a quelli del Morosini (vedi attuale Capo di Stato Maggiore). E meno male che ti viene detto che i piu’ preparati vengono selezionati. Uno specchietto per le allodole, ora coadiuvato pure da filmetti deficienti come questo, per il quale qualche imbecille di ufficiale addetto alla comunicazione ricevera’ pure un encomio. In Marina non e’ cambiato nulla: un ricettacolo di pieni di se e di eroi pagati dal contribuente, come quella Catia che prima di gettare la scialuppa di salvataggio, aspettava il ciak del regista. La Marina serve per distribuire caramelle e salvagente, mica per difenderci ed affondare i barconi vuoti, possibilmente con gli scafisti a bordo: quelli sono pieni di diritti; io ho solo avuto il dovere di riciclarmi grazie alle idiozie della Marina. ANGELO CATALANO

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.