Roma, 15 lug – Neanche durante il sequestro dell’Achille Lauro cancellerie e ambasciate di mezzo mondo sembravano così frizzanti di contatti, alle prese con notti insonni per rispondere alle richieste di aiuto. Dev’essere andata più o meno così la richiesta di aiuto per ottenere alcuni Canadair aggiuntivi da impegnare nella lotta alle fiamme che stanno aggredendo buona parte del sud Italia. O almeno questa è la versione data da Luigi Di Maio, a sentir lui in prima fila per affrontare l’emergenza sulle pendici del Vesuvio.

“Sono stato tutta la sera al telefono con le ambasciate degli altri Stati europei per chiedere l’invio dei loro Canadair nell’area del Vesuvio, perché quelli a disposizione purtroppo non sono abbastanza. Ora non serve fare polemica, dobbiamo rimboccarci le maniche e aiutare le aree colpite, serve subito che gli altri Paesi europei ci inviino i loro aerei per spegnere le fiamme, così come l’Italia ha fatto con il Portogallo qualche settimana fa. Ebbene, sono in arrivo dalla Francia tre aerei, di cui due Canadair. Grazie, fate presto”, ha spiegato in un post su Facebook nel quale, nicchiando furbescamente, fra le righe vuole far trasparire il messaggio di essere stato l’artefice dell’accordo che ha portato gli aerei antincendio battenti bandiera straniera ad essere dispiegati sulle nostre foreste. Un ottimo precedente per l’esponente dei Cinque Stelle che si candida a futuro ministro degli Esteri o addirittura Premier: chi meglio di lui, già pienamente a suo agio nel disbrigare la matassa di situazioni complesse?

Peccato che sia tutto falso. Di Maio si è inventato tutto di sana pianta, non un Canadair è arrivato in Italia grazie alla sua intercessione. L’ambasciata francese (gli aerei sono stati gentilmente prestati da oltralpe) nega ogni presunto contatto con il vicepresidente della Camera, mentre il portavoce della Commissione Ue Alexander Winterstein spiega bene i contorni della vicenda: la richiesta di aiuto è arrivata dalla Protezione Civile italiana, come da prassi. Di Maio non avrebbe potuto intervenire in alcun modo, essendo ad oggi un semplice deputato (per di più dell’opposizione) senza alcuna delega specifica.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciassette + sette =