Napolitano e i professionisti dell’antimafia

napolitano-depliant Roma, 26 nov – Napolitano “non poteva non sapere”? Nel pieno dello scalpore  causato dalle dichiarazioni di Carmine Schiavone a proposito dei rifiuti tossici  seppelliti dai clan nella ormai tristemente celebre terra dei Fuochi, il pensiero  torna a  chi sedeva nei posti di vertici quando quelle parole furono pronunciate dal  pentito,  nel 1997. E a chi, quindi, scelse di apporre il segreto di stato. L’attuale  presidente  della Repubblica, di cui spesso leggiamo sperticati elogi sulla grande  stampa, era  ministro dell’Interno. Un posto chiave per conoscere e divulgare  particolari così  importanti per la salute del popolo italiano. Ma tra video delle Iene e  servizi  dell’Espresso, nessuno chiede alla massima carica dello Stato il perché  delle  sue azioni. A capo della Commissione che ascoltò Schiavone, troviamo invece  Massimo Scalia, nientemeno che il fondatore di Legambiente. Ma anche nei suoi  confronti regna il silenzio. Senza menzionare gli altri protagonisti politici che  occupavano i posti chiave, tutti rigorosamente di sinistra.

Come spesso accade in Italia diversi organi d’informazione e ampi settori della magistratura sembrano chiudere un occhio di fronte agli errori una determinata parte politica. Ad ulteriore riprova il fatto che il comune di Fondi, dal cui mercato è partito e parte lo smistamento dei “cibi tossici” della terra dei Fuochi, appare legato alla ‘ndrangheta dal lontano 1985, secondo la ricostruzione di Antonio Turri, ex poliziotto e presidente dell’associazione Cittadini contro le mafie e la corruzione. Quel fatidico anno la poltrona di sindaco era occupata da un esponente del PCI, nel contesto di un egemonia politica della sinistra durata molti anni, ma delle cui responsabilità nessuno ha chiesto conto.


Le mafie, ad oggi le multinazionali più ricche e fiorenti del paese, possono essere colpite solamente da un impegno privo di paraocchi ideologici, di qualunque parte siano. E da azioni dure, come avvenne durante il ventennio fascista. Ma il governo attuale continua a produrre l’esatto contrario, e l’elezione di Rosy Bindi quale presidente della commissione parlamentare Antimafia sembra essere solo l’ultimo (e più patetico) esempio.

 

Francesco Carlesi

Print Friendly
Image Donation-Banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.