Alluvione Sardegna:sindaco Torpè,sta rientrando allarme digaRoma, 20 nov – Sarà anche un luogo comune, quello della “tragedia annunciata”, ma pensando all’alluvione in Sardegna costata 16 morti, danni ingentissimi e circa 2000 sfollati è difficile evocare unicamente la fatalità. C’è, innanzitutto, il problema dell’allerta meteo e della rapida circolazione delle informazioni. È dal 15 ottobre che le previsioni erano catastrofiche. L’allerta della Protezione è arrivata solo il 17. Di tempo per intervenire, tuttavia, ce n’era ancora. E allora cos’è successo? “Basta con le polemiche pretestuose – dice il capo della Protezione civile Franco Gabrielli -. Abbiamo diffuso l’allerta meteo 12 ore prima delle precipitazioni e lo ha trasmesso alle prefetture e alla Regione, che a sua volta deve allertare i comuni. Chiedete a questi enti cosa hanno fatto”.

 

Ma anche al di là dell’azione immediata, resta il problema della precarietà idrogeologica del paese. In Italia oltre 6.600 Comuni (l’82% del totale) sono in aree ad elevato rischio idrogeologico, corrispondenti al 10% della superficie della penisola. Circa 5,8 milioni di italiani vivono in una situazione di potenziale pericolo. Nelle aree a rischio spesso si trovano anche abitazioni (85%), industrie (56%), hotel e negozi (26%), scuole e ospedali (20%). Per quanto riguarda la Sardegna, si parla dell’81% dei Comuni (306 amministrazioni) a rischio, per 614 chilometri quadrati soggetti a frane ed esondazioni.

 

Insomma, la politica dovrebbe intervenire seriamente. E invece ecco cosa fa: propone, per bocca di Pippo Civati, di destinare i due euro delle primarie del Partito democratico alla Sardegna. Il candidato alla segreteria Pd si è rivolto così ai suoi colleghi: “Me lo ha proposto Valentina Spata e immediatamente raccolgo e rilancio: il contributo da pagare per il voto sia donato all’isola travolta in queste ore da una vera calamità e funestata da gravissimi danni. Lo propongo immediatamente agli altri candidati e al segretario Epifani”. Raggelante la risposta di Matteo Renzi: “La risposta non è mettere i due euro del Partito democratico: un partito politico non affronta il problema dell’assistenza mettendo i soldi delle primarie, ma facendo in modo che vadano fondi sulle cose necessarie da fare. A un partito non chiedete di fare beneficenza ma di far rispettare le regole”.

 

Giorgio Nigra

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × 5 =