“Vi mandiamo 6 profughi”: il paesino fa un referendum e decide che non li vuole

Treviso Bresciano dice no ai profughiBrescia, 20 mar – Ci mandate i profughi? E noi chiediamo ai cittadini se li vogliono. Immaginate la risposta quale può essere stata… Tutto accade a Treviso Bresciano, comune di 550 anime in Valle Sabbia (Brescia). Secondo quanto riporta La Stampa, gli abitanti del paesino sono stati chiamati a esprimersi in forma anonima al quesito: “Volete che sul nostro territorio arrivino dei profughi?”. Alla domanda hanno risposto in totale 114 residenti (un quinto della popolazione) e la maggioranza ha detto no: 68 contro 46.

Certo, può far sorridere questa mobilitazione per soli sei immigrati, ma del resto anche il paese è molto piccolo e il timore è che, una volta accettato il principio, ne arrivino anche altri. E poi la storia va contestualizzata: in Valle Sabbia ci sono già 170 richiedenti asilo gestiti da cooperative esterne e la Prefettura ha fatto sapere che il numero potrebbe presto aumentare rapidamente.


Sulla stessa linea degli abitanti di Treviso Bresciano hanno già ribadito la loro contrarietà all’accoglienza di rifugiati anche i sindaci di Agnosine, Gavardo, Vallio Terme e Vestone. Forte il dissenso espresso anche dal presidente della comunità montana oltre che sindaco di Pertica Alta. Il precedente del ricorso al voto popolare è comunque importante per strappare la questione immigratoria all’autoritarismo dei prefetti. E, come sempre accade in questa democrazia tutta particolare, sarà ovviamente giudicato come un atto eversivo.

Roberto Derta

Print Friendly
Image Donation-Banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.