bertrand

Droit dans le soleil, questo il nome del nuovo singolo di Bertrand Cantat l’ex cantante dei Noir Désir che, a 10 anni dall’omicidio della compagna Marie Trintignant, torna sulla scena musicale. E’ già polemica in Francia, dove radio e giornali lanciano attacchi contro Bertrand e il suo nuovo gruppo, i Détroit, boicottando l’album Horizons, da cui è tratto il singolo, che uscirà il 18 Novembre. Nel 2003 Bertrand Cantat, a seguito di una lite furente, uccise l’attrice e allora sua compagna Marie Trintignant, impegnata su un set a Vilnius.

Nonostante il singolo abbia già mostrato la tendenza riflessiva dell’album e il desiderio di guardare avanti senza dimenticare il passato, nessun accenno è fatto alla morte di Marie, probabilmente per una scelta della casa discografica di non incorrere in beghe giuridiche.

Il rocker francese fu infatti condannato in Lituania per omicidio a otto anni di prigione, trasferitosi in Francia ne scontò quattro e i restanti in libertà vigilata.

La figura di Cantat, legata per anni all’immaginario del rocker ribelle politicamente e culturalmente impegnato, si ammanta nel tempo di note sempre più tragiche, l’omicidio della compagna, il suicidio dell’ex moglie Kristina Rady, tornata a vivere con lui dopo il processo, per cui i genitori di lei lo accusano di violenze.

Molteplici le voci di gruppi femministi e delle associazioni contro la violenza sulle donne che urlano al femminicidio, discordanti i pareri di alcune testate giornalistiche e riviste di musica che difendono l’ennesimo probabile successo musicale del cantante. Se il singolo non manca infatti della qualità e specificità tecnica che contraddistinguono Cantat, dall’altra parte non mancano i dubbi sull’influenza che il suo pubblico reinserimento sociale e mediatico possa creare.

Cantat, prima di essere noto per le tragedie della sua vita, era inneggiato dai suoi fan e da un certo retroterra culturale per l’impegno politico più volte dimostrato; note le manifestazioni di coscienza in difesa degli immigrati, anti-globliste e dai connotati fortemente antifascisti.

Il dubbio manifestato da buona parte dell’opinione pubblica francese è la possibilità che il reinserimento del cantante – in un mondo fonte di emulazione come quello del sistema mediatico – possa influenzare negativamente personalità fragili, adducendo la convinzione di una normalizzazione dell’atto di violenza.

In tempi sempre più pregni di battaglie per una riappropriazione sessista della terminologia e fenomenologia della violenza, la ricomparsa di Cantat e il ricordo di presunte battaglie politiche che non possono riconvalidarne la coscienza, appaiono quanto mai singolari e per qualcuno anacronistiche.

Melania Fiori

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

4 × due =