È morto Günter Grass, l’ex SS divenuta premio Nobel

grass 2Berlino, 13 apr – È morto oggi a Lubecca all’età di 87 anni lo scrittore e drammaturgo tedesco Günter Grass. Aveva vinto il premio Nobel per la letteratura nel 1999. Ad annunciarlo la sua casa editrice Steidl.

Nel gennaio 2014 aveva annunciato che, a causa dell’età, non avrebbe più scritto romanzi.

Grass era nato il 16 ottobre 1927 a Danzica, all’epoca un’autonoma città-stato (attualmente parte della Polonia). Conosciuto come un pacifista e un intellettuale critico nei confronti del passato nazionalsocialista della Germania, dette scandalo quando rivelò di essersi arruolato volontario nelle SS.

Dopo aver tentato a 15 anni di entrare nella marina del Terzo Reich, il futuro scrittore si arruolò nel Reichsarbeitsdienst (un corpo ausiliario della Wehrmacht) e due anni dopo entrò, sempre come volontario, nelle Waffen SS.

grass

Grass, a destra, in divisa nazionalsocialista


Nell’agosto del 2006, ormai settantottenne, lo scrittore tedesco ammise di aver fatto parte, come volontario e non coscritto, come si era fino a quel momento creduto, della 10. SS-Panzer-Division “Frundsberg” delle Waffen-SS.

Il motivo del suo arruolamento, disse, era stata “la volontà di lasciare la famiglia: molti ragazzi come me si offrivano volontari per il servizio militare per la stessa ragione. Era una cosa comune per quelli della mia generazione, un modo per girare l’angolo e voltare le spalle ai genitori”. Solo dopo aver ricevuto la lettera di coscrizione “mi resi conto che mi stavano mandando a Dresda con l’uniforme delle SS”.

Ferito in servizio nel 1945 fu catturato dagli statunitensi e finì in un campo di prigionia in Baviera insieme ad altri soldati tedeschi.

Per non farsi mancare nulla, Grass ha preso anche diverse posizioni critiche nei confronti dello stato di Israele: prima un poemetto pubblicato sulla Süddeutsche Zeitung, in cui criticava duramente la possibilità di un attacco israeliano contro l’Iran, poi un elogio di Mordechai Vanunu, il tecnico della centrale atomica di Dimona, che nel 1986 rivelò al Sunday Times i segreti nucleari d’Israele.

Vanunu fu attirato a Roma da un’agente del Mossad, rapito, portato in Israele, processato per alto tradimento in gran segreto e condannato a 18 anni di prigione. Per 11 anni venne detenuto in totale isolamento. Per questo motivo, Grass era stato dichiarato persona non grata da Israele.

Giorgio Nigra

Print Friendly
Image Donation-Banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.