maro indiaCremona 26 agosto- Dopo aver raccolto 10 mila firme e aver espresso durante la festa religiosa sikh la vicinanza ai due marò Salvatore La Torre e Massimo Girone, questa volta i Sikh hanno deciso di sensibilizzare ulteriormente i cittadini stampando 50 mila volantini che i cittadini cremonesi si troveranno nella cassetta delle lettere.

Il pieghevole ripercorre dall’inizio la vicenda dei due marò, una storia che i sikh sentono molto vicina anche perché somiglia, per alcuni aspetti, a quella di tanti di loro in India. Kang Sukdev, il presidente dell’Indian Sikh Comunity Italy, spiega che in India vi sono moltissimi sikh incarcerati,accusati di crimini mai commessi ai quali sono stati fatti processi ingiusti. “Viviamo in Italia da anni, ma conosciamo il sistema indiano: ci sono 118 sikh che si trovano in carcere nel Punjab da anni e le autorità non decidono niente. Esattamente come per i due Marò, non ci sembra normale che dopo oltre due anni ancora non sia stata fatta un’udienza. Noi vogliamo che queste due persone tornino qui in Italia. Vogliamo chiarezza e giustizia”.A muoverli è anche la convinzione che la tensione diplomatica tra i due paesi possa avere delle ripercussioni sulle loro vite, da anni integrate e inserite nel tessuto produttivo italiano, per questo motivo all’interno dell’opuscolo si troverà anche una breve spiegazione sulla differenza tra i sikh e gli indù, con illustrate la religione di appartenenza e lo stile di vita dei sikh, partendo proprio dai simboli che contraddistinguono ogni membro della comunità.

Saverio Andreani


Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × quattro =