circo-massimo_DX (1)Roma, 29 gen – E’ un’opera alta 3 metri, dai colori accesi, installata sul belvedere tra Aventino e Circo Massimo, tra il monumento a Mazzini e il colle Celio, la notte tra il 24 e il 25 Novembre dello scorso anno dall’artista Francesco Visalli. E’ stata collocata senza alcuna autorizzazione, “per testare l’attenzione dell’amministrazione comunale sulla città in generale, e sull’arte in particolare“, dice oggi l’artista. E infatti, nessuno si è accorto di niente fino ad oggi.

Era stata la rivista Artribune a sollevare per prima il caso, scrivendo “Come ha fatto Visalli a installare un’opera permanente laddove ogni artista del mondo sognerebbe di installarla e avendo un curriculum molto distante dagli artisti più grandi del mondo?“. La risposta è semplice: l’ha montata in tutta tranquillità in una notte di Novembre senza che nessuno gliene chiedesse conto per i successivi 2 mesi.

Nonostante le perplessità della rivista d’Arte e un articolo di ieri del sito locale Roma Today, non è stato però il sindaco di Roma né il suo assessore a svegliarsi finalmente dal letargo, ma il sottosegretario alla cultura Bonetti Buitoni che oggi ha cinguettato su Twitter “Ne abbiamo ordinato la rimozione immediata”. Meglio tardi che mai.

E Marino? Ancora nulla. Forse in bicicletta fa altri percorsi.

Cristiano Coccanari

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

dieci + uno =