orfani-bonelli-586x457Roma, 17 ott – Lo storico marchio del fumetto nazionale Sergio Bonelli Editore ha appena fatto atterrare nelle edicole italiane la nuova miniserie a colori Orfani. Lanciata in pompa magna e anticipata da un tam tam mediatico ben congegnato, la nuova serie si presenta come un passo certamente innovativo e stimolante per la storica casa editrice. I dodici numeri di cui è composta la prima stagione – cui seguirà la seconda – saranno interamente a colori, differenziandosi così dal bianco e nero a cui avevano abituato i classici Tex e Dylan Dog. Naturalmente le innovazioni non stanno unicamente nella grafica efficace e suggestiva, ma soprattutto nei contenuti.

Nato dalle menti dello sceneggiatore Roberto Recchioni e del disegnatore Emiliano Mammucari, l’universo di Orfani attinge a piene mani dalla fantascienza bellica e da quella distopica. Alcune fonti d’ispirazione citate sono Terminator 2, Fanteria dello spazio di Heinlein, Alien, Il signore delle mosche e perfino Shakespeare. La sceneggiatura curata dalla mente brillante e provocatoria di Roberto Recchioni, che in passato si è autodescritto come un anarchico reazionario ispirato da John Milius, cala il lettore in un mondo devastato da un misterioso attacco alieno a cui gli orfani protagonisti terranno testa con tutta la forza di fuoco e il coraggio a loro disposizione.

Su una base narrativa semplice e apertamente debitrice ai classici del genere, si innestano una serie di colpi di scena e sviluppi che dal numero sei in poi complicheranno non poco le cose. I giovani soldati, addestrati da piccoli alla sopravvivenza nella natura selvaggia, finiranno col combattere una guerra per conto di uomini potenti che pensano di poterli manipolare a loro piacimento.

Naturalmente non è dato sapere gli sviluppi di queste premesse, certo è che sin dal primo numero della serie e dalle interviste circolate nei siti specialistici emerge nel gruppo degli orfani un forte senso di cameratismo, una comunanza d’intenti e una solidarietà guerresca che trascende l’interesse personale. Questi giovani guerrieri non si piangono addosso sebbene la loro condizione disperata non faciliti le cose; calati nella situazione sanno adoperarsi per fare gruppo, agire come una comunità d’intenti. Perduti i loro genitori e distrutte le loro famiglie, troveranno una nuova casa tra i loro commilitoni.

Potrà sembrare una lettura azzardata, e d’altronde solo il prosieguo della serie potrà dare conferma a questa prospettiva, ma il senso di stretta compartecipazione che si vede sorgere tra i guerrieri di questo fumetto, il coraggio e il sacrificio, sono messaggi che nel fumetto italiano contemporaneo sono stati da tempo abbandonati a favore di più blandi e noiosi messaggi di fratellanza universale.

Gli autori hanno dato vita a una serie ricca di ritmo e di grande qualità, in essa si intravede in qualche modo l’essenzialità del teatro e al fondo di tutto, a detta di Recchioni, sta un forte senso del tragico mutuato da Shakespeare.

Da tenere d’occhio.

Francesco Boco

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 5 =