banksyLondra, 3 ott – Quando la foga censoria e l’isteria politicamente corretta superano il punto di non ritorno, finisce inevitabilmente che i “puri” finiscano per epurarsi l’un l’altro.

È accaduto in Inghilterra, dove il geniale street artist progressista Banksy ha deciso di attaccare le posizioni anti-immigrazione dell’Ukip di Farage e così, per deridere gli argomenti populisti e “xenofobi”, ha fatto della satira a modo suo.

Sui muri di Clacton-on-sea, un comune nel Sud dell’Inghilterra, è quindi apparso un murale dove cinque piccioni ghettizzano e insultano un uccello migratore con frasi chiaramente “razziste”: ”I migranti non sono benvenuti”, ”Tornatene in Africa”, ”Stai lontano dai nosti vermi”.

Il messaggio è fin troppo chiaro. Eppure il comune britannico ha deciso di far rimuovere l’opera, scambiandola comunque per un incitamento al razzismo. Segno che sull’argomento regna ormai un’ipersensibilità e che persino le posizioni “allineate” ma ironiche, provocatrici e un po’ spiazzanti non sono più tollerate dal perbenismo dogmatico.

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

20 − diciannove =