paolucciRoma, 30 lug – La riforma dei Beni culturali continua a trovarsi al centro di un fitto campo di battaglia. I fronti dei detrattori e dei sostenitori sono variegati e compositi, mossi da motivazioni differenti fra loro. In certi casi i contendenti si trovano su versanti opposti per una lettura diversa della riforma, come nel caso delle Soprintendenze: per alcuni saranno più libere dalla politica, per altri in catene.

In questi giorni è tornato a tuonare contro la riforma anche Antonio Paolucci, leone della savana italiana dei poli museali. Parla del testo di Franceschini come di una “macelleria culturale” che imbastardisce l’arte con l’economia. Il direttore dei Musei vaticani boccia infatti la creazione di pochi grandi musei guidati da manager: “Questa deriva americana, esterofila, mi spaventa – ha dichiarato ad AvvenireFranceschini insiste sulla necessità di portare a reddito il patrimonio culturale. Io dico che quel patrimonio prima che a fare quattrini serve a creare i cittadini, a fare degli italiani un popolo con una propria identità e specifiche caratteristiche culturali”.

Paolucci indica il territorio italiano come un “museo diffuso”, che cresce spontaneo sotto torri e campanili, vissuto prima ancora che visto e non riducibile a pochi grandi colossi museali. Per questo è ancora più grave la manovra di Franceschini, che non avrebbe coinvolto i conoscitori e i custodi di quel territorio: soprintendenti e storici dell’arte. “Il vero moltiplicatore occupazionale –  aggiunge Paolucci – è quello generato dal nostro patrimonio culturale: il bello diffuso che diventa qualità del prodotto italiano”.

bottaiL’ex ministro dei Beni culturali indica quindi a Franceschini un modello: Giuseppe Bottai, “il più grande ministro dei Beni culturali che abbiamo avuto”, che “nel 1939 raccolse intorno a sé i migliori esperti e storici dell’arte”, per varare quella riforma che, per Paolucci, rappresenta la più importante sulla materia della Repubblica italiana. Un paradosso solo apparente, considerando che l’Italia post-fascista ha camminato, e continua a camminare, molti dei suoi passi sulle gambe legislative del Ventennio.

Simone Pellico

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

20 + 10 =