4340493_3_9abc_attilio-maggiuli-en-mai-2013-dans-son_e1efef8eb50eedbcd9c240d819a5bf75Parigi, 27 dic – Attilio Maggiulli, 67enne italiano originario di Bari, direttore del teatro parigino “Comédie italienne”, situato rue de la Gaîté, nel XIV arrondissement di Parigi, è stato arrestato ieri per aver cercato di sfondare, con la sua auto, il cancello dell’Eliseo, come forma di protesta contro i forti tagli alla cultura che si stanno abbattendo sulla Francia. L’uomo, ferito, è stato portato all’ospedale, curato ed arrestato. Ora è accusato di danneggiamento di beni di pubblica utilità e attacco armato contro autorità pubblica.

L’Eliseo è la sede del Presidente della Repubblica francese Hollande, evidente bersaglio della protesta di Maggiulli. Già mercoledì il direttore del teatro, secondo quanto riferito dal quotidiano Le Monde, “aveva estratto dalla sua auto, un Arlecchino dandogli fuoco dopo averlo cosparso di alcool e ha poi lanciato volantini per la strada per denunciare i tagli delle sovvenzioni al suo teatro”. L’uomo era stato quindi fermato, ascoltato e poi rilasciato senza nessuna accusa da parte della procura”.

Maggiulli, attore e regista, dirige l’unico teatro italiano in Francia, in cui vanno in scena vanno piece contemporanee e classiche di autori italiani recitate in lingua francese. Negli ultimi anni ha fatto fatica a gestire il suo piccolo teatro, per il continuo taglio dei contributi statali, di cui è vittima. A nulla sono valse le petizioni di vari artisti parigini e un suo sciopero della fame.

Anche in Francia infatti, inizia a sentirsi il morso della crisi economica. Il paese d’Oltralpe, da sempre ai primi posti per gli investimenti in ambito culturale, quest’anno è stato costretto a tagliare drasticamente i fondi a teatri e musei. Oltre un miliardo di euro, secondo il Fai. Il ministro della Cultura Aurelie Filippetti, in un’ intervista del 2012, aveva dichiarato: “Ci troviamo di fronte a una crisi inaudita, e tutti sono coinvolti”. Ma al tempo stesso aveva promesso niente tagli e un’ “assicurazione contro la disoccupazione per gli artisti e tecnici dello spettacolo”. Oggi invece a Parigi i tagli sono arrivati e si sentono.

Michael Mocci

 

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque × 5 =