stor_14477693_43080Roma, 2 nov – La ripresa tanto sbandierata non arriva: secondo l’Istat, a settembre, la disoccupazione giovanile (15-24 anni) è schizzata al 40,4%, in aumento dello 0,2% rispetto ad agosto e del 4,4% su base annua. Tra i giovani, solo 2 su dieci lavorano, i disoccupati sono 654 mila. Questo il risultato di scellerate riforme della scuola e del lavoro varate dai governi degli ultimi anni. Eppure al Forum dei Giovani del maggio 2012 Mario Monti, in grande spolvero, aveva dichiarato: “Non siete soli. Il governo, qualsiasi, non solo quello attuale, ha il dovere morale e giuridico di sostenere le vostre aspirazioni”. I risultati sono questi.

La disoccupazione generale invece, a settembre, tocca quota 12,5%, in aumento rispetto ad agosto con un numero di disoccupati complessivo che si aggira intorno ai 3 milioni e 194 mila: sono i dati peggiori dal 1977. È evidente che la strada delle continue privatizzazioni, delle delocalizzazioni e delle politiche sociali inesistenti, abbia prodotto pessimi risultati. Se al centro c’è la finanza e non il lavoro, il mercato e non lo Stato, questi dati continueranno a peggiorare.

Come se non bastasse, l’Adusbef ha reso noto che la capacità di spesa delle famiglie italiane è calata del 16,8% dal 2001, peggio della Grecia (-13,8). Per il presidente Elio Lannutti, “la capacità di spesa misura, meglio del Pil pro capite, il benessere delle famiglie”.

Michael Mocci

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

16 + sedici =