Chi investe sull’Italia? Non certo gli imprenditori italiani

Logo-WhirlpoolVarese, 6 feb – Anche in questi momenti di crisi nera pare che ci sia qualcuno che ancora vuole puntare sull’Italia. E’ il colosso dell’elettrodomestica americano Whirpool, che annuncia l’intenzione di potenziare gli stabilimenti di Cassinetta e Comerio, nel varesotto, proprio quando a poche centinaia di chilometri si consuma la tragedia dell’Electrolux. Sottolineando l’intento di farne il più grande bacino produttivo dell’azienda destinato al mercato europeo, mediorientale e africano, e annunciando a breve accordi con i rappresentanti sindacali degli oltre 2,000 sollevati lavoratori. Follia o lungimiranza?


Certo è che negli ultimi tempi anche il settore italiano dell’elettrodomestica ha registrato momenti difficili, con tagli pesantissimi all’occupazione di settore, riduzione di ore di lavoro e il colosso italiano Indesit che ha chiesto due anni di cassaintegrazione in attesa che il patron Merloni trovi un “partner”, ovviamente straniero, a cui affidarsi per non colare a picco. L’ennesima, irreversibile perdita di un pezzo di industria italiana, situazione che solo pochi giorni fa il presidente di Confindustria ha giustamente dipinto come “desertificazione industriale”.

Ma nella provincia di Varese accade qualcosa in controtendenza: dove un tempo l’Olivetti lombardo, Giovanni Borghi, aveva avviato una delle prime marche italiane di elettrodomestici, la Ignis, ora gli americani ribadiscono la loro volontà di investire. Nonostante le condizioni fiscali non certo facili. C’è da chiedersi perché.

Forse perché ci si rende conto della bontà del lavoro italiano? Forse perché, a differenza di tante altre imprese nostrane, ci si rende conto che, presente la volontà, si può (e si dovrebbe) ragionare sul lungo periodo, cercando forme di welfare aziendale che coinvolgano i lavoratori e puntando su un’occupazione in grado, un domani, di rilanciare l’economia. Non delocalizzare indiscriminatamente come è tanto di moda fra gli imprenditori nostrani. Siamo dunque ridotti al punto da doverci fare dare lezioni di coraggio dagli americani?

Valentino Tocci

Print Friendly
Image Donation-Banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.