9988-722px-trionfo_della_morte_gia_a_palazzo_sclafani_galleria_regionale_di_palazzo_abbatellis_palermo_1446_affresco_staccatoRoma, 22 gen – A partire dal 2008, l’Italia è il Paese che ha conosciuto il più forte declino della situazione sociale per chi lavora: il 12% degli occupati non riesce a vivere con il proprio stipendio. Peggio di noi solo Grecia e Romania (oltre il 14%). Sono questi i dolorosi risultati dell’ “Employment and Social Developments in Europe Review”, il rapporto Ue sull’occupazione.

La ripresa propalata dai vari “salvatori della patria” non è arrivata. Secondo lo stesso rapporto, l’Italia è il Paese europeo in cui è più difficile trovare lavoro per i disoccupati: solo 15 lavoratori licenziati su 100 riescono a trovare un nuovo impiego. In questo campo, nessuno Stato europeo fa peggio di noi. Inoltre qualora si trovasse un nuovo lavoro, molto raramente questo riesce a soddisfare il fabbisogno delle famiglie. Vengono spacciate come dure conquiste ma un lavoro, una casa, la possibilità di farsi una vacanza e vivere con dignità sono dei diritti. Eppure oggi i poveri in Italia, quelli che faticano a pagare affitto e riscaldamento, che non possono permettersi le ferie o una spesa imprevista, sono 18,2 milioni, il 29,9% della popolazione.

Lazlo Andor, il commissario europeo per il Lavoro, ha così commentato la situazione italiana: “In Italia non cresce solo la disoccupazione ma anche la povertà”. “Per una ripresa duratura – prosegue Andor – che non si limiti soltanto a ridurre la disoccupazione, ma faccia anche diminuire la povertà, dobbiamo preoccuparci non solo della creazione di posti di lavoro, ma anche della loro qualità”. I suggerimenti del commissario europeo cozzano però con il fatto l’ Italia a causa del fiscal compact dovrà versare quest’anno all’Europa 45/50 miliardi di euro. Tutti soldi che potrebbero essere utilizzati per lo sviluppo e l’occupazione.

Se la situazione per l’Italia è tragica, nel resto d’Europa non va meglio, a testimonianza del fallimento delle oppressive politiche economiche di Bruxelles che ha prodotto un’Europa con figli e figliastri: 125 milioni di europei (1 su 4) sono a rischio indigenza. Secondo il rapporto: “Dal 2010 gli stipendi delle famiglie in Ue sono diminuiti, e i cali sono stati particolarmente profondi (oltre cinque punti percentuali in due anni) in Grecia, Spagna, Italia, Irlanda, Cipro e Portogallo”.

Giovanni Cairo

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × cinque =