Eni lavoratoriRoma, 26 giu – Nella giornata di ieri, Eni e le organizzazioni sindacali hanno raggiunto l’accordo sui premi di partecipazione per il periodo 2014-2016. L’accordo riguarda i 28mila dipendenti italiani del gruppo, appartenenti sia al settore energia e petrolio che a quello della chimica.

Nonostante il periodo difficile, stretto fra la congiuntura negativa e il calo del prezzo del petrolio che hanno fortemente impattato sui conti del cane a sei zampe, Eni non rinuncia a premiare i propri dipendenti, che riceveranno in media 2mila euro a testa ogni anno. La corresponsione sarà comunque legata ai risultati in termini di redditività aziendale e delle singole unità di business.

Per Eni si tratta di “un accordo positivo che conferma la solidità del nostro modello di relazioni industriali basato su coinvolgimento e dialogo costante con le organizzazioni sindacali a tutti i livelli” e che “valorizza ulteriormente l’approccio costruttivo e dinamico dei lavoratori al miglioramento dei risultati aziendali, attraverso la correlazione tra compensi e risultati ottenuti di produttività e redditività, in un’ottica di sostenibilità di tutte le nostre linee di business, riconfermando inoltre i meccanismi virtuosi per contrastare l’assenteismo”. L’accordo, conclude la nota, è “caratterizzato da impianto e criteri univoci, coerente con il processo di trasformazione avviato da un anno nella società e consente di valorizzare il contributo di tutte le persone di Eni“.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

6 + 14 =