Roma, 15 apr – Più volte abbiamo scritto che la volontà neoliberale di tagliare la spesa pubblica deriva dal fatto che essa è essenzialmente redistributiva, in quanto eroga redditi diretti (salari dei dipendenti pubblici o commesse pubbliche presso imprese private), indiretti (servizi quali sanità, istruzione e trasporti) o differiti (previdenza sociale), minando così alla base l’esistenza di un’ampia fetta di parassiti straricchi. Abbiamo anche detto più volte, che solitamente questa nefasta idea si ammanta di buone intenzioni, come la “lotta agli sprechi” o simili barbatrucchi per mascherare la realtà di una spoliazione sociale sempre più pervasiva.

Ebbene, come sempre la cronaca sembra intervenire per darci ragione, con l’ultima trovata del Fmi per garantire la tanto osannata “stabilità dei conti”: liberarci fisicamente degli anziani improduttivi. Il ragionamento in un certo senso gira: oltre una certa età, le persone diventano un costo netto per la società, quindi in un sistema che Keynes definiva “la parodia dell’incubo di un contabile” è perfettamente logico tagliare i costi, ovvero delle vite umane.

Questo perché l’alternativa, che è quella di produrre valore e rendere così sostenibile il welfare pubblico, è inaccettabile per l’ortodossia neoliberale, in quanto richiede tutta una serie di strumenti che sono una autentica bestemmia: repressione finanziaria, protezionismo, nazionalizzazione dei settori strategici, ed altre leve di politica economica che ci hanno abituato a considerare come residuato bellico di un’età pagana rispetto alla religione marginalista del libero mercato concorrenziale.

Del resto, come sempre, c’è chi lo dice molto chiaramente quale è l’obiettivo di fondo, come per esempio Attali, l’eminenza grigia dietro Macron, che ha esplicitamente auspicato l’eutanasia come soluzione all’invecchiamento demografico europeo. Non il reddito di maternità, il mutuo sociale e la stabilità del rapporto di lavoro subordinato, che consentirebbe alle giovani coppie di poter programmare una vita insieme, non sia mai. Poveri, precarizzati a vita e disperati ma con la possibilità di farci ammazzare in una stanza asettica quando ci saremo giustamente rotti le scatole di questa vita infernale.

Ovviamente, anche in questo caso, si parla di “diritti” e di “libertà individuale”, proponendo come da copione il solito caso patetico ed estremo per ricattare psicologicamente il lettore dei giornali o lo spettatore del Tg. Ti opponi a che il poveraccio di turno ponga fine alle sue sofferenze in modo “umano” ed “indolore”? Sei un mostro, un bigotto, un sadico reazionario, un inquisitore spagnolo, un elettore di Adinolfi.

Certo, malignamente si può notare come il ragionamento di Attali e del Fmi ricalchi perfettamente quanto detto all’inizio: quanto può costare un’iniezione di un qualche barbiturico per stroncare “dolcemente” una vita, rispetto ad anni ed anni di terapie di riduzione del danno o di sostegno anche personale all’invalido? Forse con 15 euro il problema è già risolto.

“Parodia dell’incubo di un contabile”: come sempre Keynes si dimostra anche un raffinato umorista, oltre che un pensatore di portata storica ed un economista inimitabile. Qui non c’è nessuna parodia, e nessuno ride. C’è solo un progetto potenzialmente genocidario ai danni delle popolazioni autoctone europee, che devono sbrigarsi a fare posto ai “nuovi arrivati” ed estinguersi senza troppo clamore.

Matteo Rovatti

Commenti

commenti

2 Commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here