fondi UE Roma, 23 ott – Ci sono due step principali che ci separano dall’accaparramento di un tesoretto  di 106,8 miliardi: il via libera dell’europarlamento al bilancio pluriennale (slittato a novembre) e l’accordo definitivo tra governo e Regioni sulla bozza di programmazione dei fondi 2014-2020.

Di questi, 24 miliardi provengono da fondi nazionali, 54.8 dal fondo di sviluppo e coesione sancito dalla legge di Stabilità e 28 da fondi europei.

Gli obbiettivi prioritari sono ben definiti: occupazione, innovazione e grandi infrastrutture. La strategia nazionale mira infatti ad incrementare l’occupazione sostenendo ricerca e p.m.i, le più martoriate da questo lungo periodo di crisi mentre per le infrastrutture spicca il campo dell’ambiente e dei trasporti.

Anche la ripartizione territoriale sembra nota, in media l’80% dei fondi sarà destinata al mezzogiorno ed il restante al Nord.

Ipotizzando che i fondi vengano approvati occorre ora capire come essi verranno utilizzati. L’Italia infatti non brilla in tal senso, peggio di noi fa solo la Romania. I dati della commissione europea dicono che i fondi vengono pagati al 44% contro un 57,7% di media europea. In questi giorni è in corso un riprogrammazione di 28 miliardi non spesi nel periodo 2007-2013.

Il ministro per la Coesione Territoriale,  Carlo Trigilia, ha ammesso “problemi di riprogrammazione”, ribadendo la necessità di un cambio di direzione da parte del governo e che i programmi dovranno essere “davvero operativi”.

L’Italia non è certo nella situazione di perdere risorse di questa portata. Speriamo di non perdere possibili occasioni per risollevare la situazione!

 

Cesare Dragandana

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here