autostradaRoma, 3 gen – Neanche il tempo di riprendersi da uno dei cenoni più magri degli ultimi anni che subito arrivano i rincari del 2014. Si comincia con i pedaggi delle autostrade. Aumenti in media del 3,9%, +8,28% su A25 e A24, +8,01% sulle Autostrade emiliane e lombarde, +7,17% per quelle venete con un aumento del 300% sulla Padova-Venezia, +4,43% sui 2.965 km gestiti da Autostrade per l’Italia.

Nonostante tutto, cerca di giustificarsi il ministro dei trasporti Maurizio Lupi: “A fronte di richieste che per alcune tratte arrivavano al 18%, l’incremento si è fermato a una media del 3,9%” – spiega Lupi, annunciando incontri con l’associazione delle concessionarie, “con cui avviare un dialogo per verificare strade nuove e consensuali rispetto agli attuali automatismi di adeguamento delle tariffe”.

Oltre all’aumento dei pedaggi delle autostrade, il mese di gennaio si caratterizzerà per l’incremento delle bollette della luce (+0,7%), l’aumento dell’Iva (dal 4 al 10%) che grava su snack e bibite dei distributori automatici. Inoltre entro il 24 del mese bisognerà pagare la cosiddetta “ mini – Imu” nei comuni che hanno aumentato l’aliquota.

Sono questi i paradossi di un Governo che, da un lato millanta provvedimenti a favore della crescita, dall’altro soffoca ogni iniziativa volta alla ripresa economica: come si può parlare di ripresa se gli imprenditori italiani devono fronteggiare le bollette energetiche più care d’Europa, l’aumento costante del costo dei carburanti e ora anche quello delle autostrade.

Aurora Benincampi

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × 4 =