MC27JDubai, 19 nov – Abbiamo già avuto modo di constatarlo in passato: quando gli sceicchi decidono di fare shopping, lo fanno in grande. Al Dubai air show, la nuova fiera dell’aerospazio che sta già oscurando i tradizionali appuntamenti di Farnborough e Le Bourget in corso presso l’aeroporto Al Makhtum (il più grande hub del mondo capace di gestire, una volta terminato, 160 milioni di passeggeri con 5 piste e 4 terminal), hanno sfoderato tutto il potere dei loro petroldollari.

La cifra è da capogiro : 150 miliardi di dollari di ordini solo nel primo giorno. Airbus ha siglato ordini per 137 A380, i colossi dell’aria, mentre la Boeing è riuscita a fare anche meglio, piazzando centocinquanta velivoli B777X, i nuovi cargo freschi di progettazione; settanta velivoli da trasporto B777 ed un centinaio di B737 oltre a 70 Dreamliner B787.

Anche l’Italia, per fortuna, fa parte della partita. Non è un caso infatti se la Cavour farà tappa anche a Dubai nel suo tour di promozione del Made in Italy e se il premier Enrico Letta stia tentando di vendere ad Etihad grosse quote di Alitalia. Finmeccanica, per voce del suo a.d. Alessandro Pansa ha chiarito che “qui facciamo il 20-25% dei ricavi del  gruppo, 4-5 miliardi di euro nei segmenti dove i margini sono più elevati”. Alenia Aermacchi, azienda controllata Finmeccanica, oltre a partecipare alla costruzione della fusoliera del 787 Dreamliner, ha anche firmato un accordo che prevede lo sviluppo, sperimentazione, certificazione, industrializzazione e supporto logistico di un velivolo per il supporto delle missioni del Comando Operativo Forze Speciali (COFS) denominato MC-27J Praetorian.

L’ MC-27J e’ un moderno sistema di difesa, basato sul bimotore da trasporto tattico C-27J che, grazie alle sue prestazioni ineguagliate ed alla sua capacità di imbarcare pallet standard NATO, offre con modalità roll-on/roll-off una gamma di soluzioni che permettono di coniugare l’efficacia del compimento di missioni tattiche e strategiche con costi sempre più contenuti e di rispondere a requisiti operativi particolarmente stringenti quali quelli del Comando Operativo Forze Speciali (COFS). Il velivolo, sviluppato insieme alla statunitense ATK che fornisce il sistema di controllo, acquisizione EO/IR (electro-optic/infrared ) ed i sistemi di controllo del cannone automatico da 30 millimetri GAU-23 (Mk 44 Bushmaster II) montato sul fianco che lo fa assomigliare alla più famosa cannoniera volante basata sul velivolo C-130 Hercules. In una nota la ditta informa che il progetto prevede due fasi distinte: la prima, dedicata allo sviluppo di un prototipo da parte di Alenia Aermacchi che sarà consegnato all’Aeronautica Militare il 31 Marzo 2014 e testato in scenario operativo nel primo semestre del 2014; la seconda, relativa all’industrializzazione della configurazione “Praetorian” e al relativo supporto logistico. L’Aeronautica Militare italiana invece prevede di completare entro il 2016 la trasformazione, di 3 C-27J attualmente in servizio, completi di sistemi di missione, apparati C3IISR (Intelligence, Surveillance e Reconaissance), sviluppato dalla Selex ES, e sistemi di supporto a terra pallettizzati e 3 velivoli predisposti ad accogliere gli stessi sistemi.

In ballo anche una gara, che vede come concorrente il velivolo francese Rafale, per l’acquisto di 60 caccia Eurofighter dal valore di oltre 10 miliardi di dollari ed un pacco di lavoro assicurato, per Alenia Aermacchi, che potrebbe durare fino al 2023

Sicuramente, i nuovi accordi ed ordini presi durante questo evento, hanno contribuito al rialzo, che ha toccato il 3,4%, che quotazioni Finmeccanica hanno registrato nei giorni scorsi, ponendole tra i migliori titoli del FTSE MIB.

 

Cesare Dragandana

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

cinque − 2 =