Renzi Alcatel uovaVimercate, 6 nov – L’occasione doveva essere l’ennesima “presenziata” per il premier Renzi. A questo giro spettava all’Alcatel, multinazionale delle telecomunicazioni, che inaugurava la sua nuova sede in provincia di Milano. L’inaugurazione si è tenuta regolarmente, ma il contesto non è stato dei più idilliaci. Circa 500 lavoratori hanno infatti protestato contro la presenza dell’ex sindaco di Firenze. Lanci di uova contro le auto blu e il presidente del Consiglio costretto all’ingresso da una porta laterale.

«Credo che l’Italia debba essere capace di investire sull’ agenda digitale, la banda larga. Dobbiamo smettere di parlarne e fare convegni e portarli avanti centralizzando gli investimenti», ha affermato il premier. Che ha poi parlato di Alcatel come di «un posto dove mantenere e magari per il futuro incrementare posti di lavoro».

Una presa di posizione alquanto curiosa, dato che l’oggetto del contendere -e da cui è partita l’odierna manifestazione- è la vertenza sindacale in atto con l’azienda, alle prese con un piano di ristrutturazione che coinvolge quasi 600 addetti. Per questi è prevista la messa in cassa integrazione straordinaria (fino a maggio) di 200 addetti, la riallocazione tramite cessione di ramo d’azienda di altri 250 e il licenziamento per i restanti.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

uno × 1 =