gas.jpgRoma, 25 ott – Nel corso degli ultimi 15 anni, in esecuzione di una lunga serie di direttive e regolamenti provenienti dall’Unione, l’assetto del mercato energetico italiano è notevolmente mutato. Si è sostanzialmente passati, soprattutto nella parte medio-bassa della filiera, da un modello di monopolio e oligopolio a uno di concorrenza.

Seppur recepiti dal nostro ordinamento con atteggiamenti differenti, in funzione dei governi e delle misure previste, i cossiddetti pacchetti energia hanno progressivamente trainato il paese verso la completa liberalizzazione del mercato dell’energia elettrica e del gas.

È in questo quadro che dalla tariffa amministrata, fissata a livello centrale, si è arrivati al mercato libero, dove l’utente può liberamente scegliere il proprio fornitore. Qui i consumatori si trovano alle prese con decine di offerte spesso complicate, fatte di cavilli e rimandi difficilmente padroneggiabili. Prezzi solo in pochi casi concorrenziali con la tariffa di maggior tutela, aggiornata trimestralmente dall’Autorità dell’Energia Elettrica e del Gas ed erede del vecchio mercato amministrato.

Contestualmente all’avanzata del mercato si è poi materializzata una serie di inconvenienti di non poco conto. È facile immaginare come dalla possibilità di effettuare il cosiddetto switch, magari a seguito di un contatto “porta a porta”, si sia aperta una bella fetta di mercato alle truffe, tecnicamente identificate come contratti non richiesti (CNR), 23.896 casi solo nel 2012.

Situazioni difficilmente gestibili vista la complessità dei contratti e rischi di truffa, ma se i prezzi diminuiscono saranno sacrifici necessari. Neanche per sogno. Da diversi mesi è stata resa nota unindagine dell’Authority molto chiara a riguardo: il mercato libero non conviene. Condotta sui dati del 2011, l’inchiesta ha registrato prezzi superiori del 12,8% per l’energia elettrica e del 2% per il gas naturale. Va forse meglio per i clienti non domestici dove il differenziale per l’energia elettrica scende al 6% e per il gas si annulla.

C‘è quindi da rimanere quantomeno prudenti di fronte ai recenti appelli provenienti da più parti per spingere l’acceleratore sul tema delle liberalizzazioni e l’accantonamento del regime di maggior tutela. In questo senso e in più sedi si è distinta l’Anigas (Associazione nazionale industriali del gas) per “un definitivo superamento del prezzo regolato” con una tariffa di tutela “più selettiva” e una “apertura completa del mercato finale”. E siamo solo all’inizio, c’è infatti molta strada da fare anche sul versante midstream e degli scambi ai confini nazionali.

Siamo di fronte a un processo forzato, eterodiretto sulla scorta ideologica che il mercato sia la soluzione semplice a problemi complessi, la progressività che ha caratterizzato il raggiungimento degli obiettivi ne è una chiara conferma. Un orientamento che si è fatto realtà in barba alle più basilari nozioni economiche, quelle di monopolio naturale e conseguente concentrazione dell’offerta, accantonando per principio altri metodi di regolazione del mercato (il price cap per citarne uno). E i risultati non sono poi così imprevedibili, smontate le gabbie vige la legge del più forte; di chi è nella posizione di imporre a politici incompetenti e ricattabili le leggi da scrivere, di chi ha messo piede nei prestigiosi istituti di ricerca inglesi o americani ed è ora tornato, ai posti giusti, per smantellare la famigerata anomalia italiana.

Armando Haller

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

5 × 4 =