gerry-rice-FMIRoma, 1 Marzo – Il suo nome è Rice, Gerry Rice, scozzese con un brillante curriculum accademico: laurea in Storia moderna presso l’Università di Glasgow, seconda laurea in Management Development Program ad Harward, dove ha conseguito anche un dottorato con una tesi sull’Us Peace Corps. Rice ha lavorato per 25 anni alle dipendenze della Banca Mondiale, occupandosi di comunicazione interna ed esterna; nel 2006 è stato assunto dal Fmi arrivando a ricopre, dopo cinque anni, il ruolo di direttore del Com, l’ufficio tecnico responsabile della strategia del Fondo circa i rapporti con media, parlamenti, mondo accademico, sindacati e imprenditori. Il ruolo di responsabile delle comunicazioni, inoltre, porta Rice a lavorare a stretto contatto con David Lipton , Amministratore delegato e Senior fund management, con un forte potere decisionale riguardo alle attività politiche e alle decisioni sul prestito. La nomina di Gerry Rice a responsabile della comunicazione del Fmi è coincisa con l’inizio della spirale dei governi tecnici, o tecno-politici, italiani; un sincronismo che al professore scozzese sembrerebbe non dispiacere, se si considerano le sue dichiarazioni ufficiali rilasciate all’indomani dell’insediamento degli esecutivi. Dichiarazioni, è bene sottolinearlo, che non esprimono certamente giudizi personali ma chiari apprezzamenti del Fondo Monetario Internazionale.

Nel 2012, quando iniziavano a palesarsi i primi effetti della manovra economica “lacrime e sangue”, Rice interviene in favore di Monti dichiarando “Il Presidente del consiglio ha compiuto passi coraggiosi e ha dato avvio a riforme strutturali importanti. Per questo motivo è cruciale continuare su questa strada e continuare con le riforme, per assicurare che il Paese (sic) resti sulla via della sostenibilità”. Trascorre un anno e, esautorato il professore della Bocconi, il Fmi benedice anche il governo Letta. Chiaramente è sempre Gerry Rice a esprimere l’apprezzamento del Fondo: “Accogliamo il piano di privatizzazione recentemente annunciato – dichiara in una conferenza stampa – un passo importante per ridurre il debito pubblico e contribuire a ridurre il rilevante carico fiscale dell’Italia. Accelerare l’agenda delle privatizzazioni, specialmente a livello locale, fornirebbe più opportunità per gli investimenti privati”. Un invito abbastanza esplicito alla svendita dei principali asset produttivi nazionali che Letta sembra aver colto in pieno.

L’ultimo capitolo dell’idillio tra Gerry Rice e i governi non eletti è storia recente, e riguarda la nomina di Renzi e la presentazione del suo Job’s Act. Il portavoce del Fmi ha dato “il benvenuto ad alcune delle misure” aggiungendo che Renzi “ha portato avanti le proposte scaturite nelle discussioni con l’Italia. L’attuazione delle riforme è la chiave della sostenibilità e della crescita del Paese”. La chiosa finale è dedicata, invece, a un membro del nuovo esecutivo: il ministro dell’Economia Pier Carlo Padoan, “molto rispettato quando era al Fmi” secondo Rice. Con queste credenziali, e considerato l’operato dei governi Monti e Letta, c’è solo da augurarsi che il prossimo esecutivo, a Gerry Rice, faccia abbastanza schifo.

Francesco Pezzuto

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

10 + 3 =