Monte dei Paschi di SienaRoma, 5 mar – Il consiglio di amministrazione di Monte dei Paschi di Siena, riunitosi nella giornata di ieri, ha convocato per il 14 aprile la prossima assemblea dei soci. All’assise sarà sottoposta, oltre al bilancio e la nomina dei membri del Cda, la questione dell’aumento di capitale.

Dopo aver chiuso l’esercizio del 2014 con una perdita di oltre 5 miliardi di euro, l’istituto di Rocca Salimbeni ha necessità di liquidità immediata. Una parte verrà dall’aumento di capitale, con il quale si punta a raccogliere sul mercato almeno 3 miliardi. La ricapitalizzazione, stando a quanto comunicato dai vertici della banca, si farà fra maggio e giugno.

Una seconda parte delle risorse verranno invece, come previsto, dalla conversione in azioni dei “Monti bond” non rimborsati a scadenza. In questo modo, il ministero dell’Economia diventerà azionista dell’ente. Il controvalore è stato calcolato come media dei valori di borsa degli ultimi dieci giorni. Al ministero andranno così 449 milioni di nuove azioni, quasi il 9% del totale. A seguito dell’aumento di capitale, al quale via XX Settembre non dovrebbe prendere parte, la quota scenderà tuttavia al 4%. Stante la plausibile diluizione della compagine sociale, si tratta comunque di una quota di rilievo, probabilmente vicina alla maggioranza relativa.

Il dicastero guidano da Padoan, inoltre, si è impegnato “fino al 180esimo giorno successivo al 1° luglio 2015, a non effettuare operazioni di vendita delle azioni ricevute”, spiegano da Monte dei Paschi, “così da allinearsi alla prassi di mercato e riducendo per un ragionevole periodo di tempo le potenziali conseguenze negative sul titolo legate al possibile effetto di eccesso di offerta sul mercato”.

Filippo Burla

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here