inpsRoma, 6 dic – La spesa pensionistica è in continuo in aumento, ma l’assegno si fa sempre più esiguo. E’ questa la fotografia scattata da Istat e Inps sui dati relativi all’anno 2013.

Lo Stato ha speso, nell’anno preso in considerazione, 272.7 miliardi per i trattamenti di previdenza. Un ammontare in crescita dello 0.7% rispetto al 2012, andando a toccare il 16.85% del Pil. Nonostante questo, una buona fetta dei pensionati italiani non riesce ad arrivare alla fine del mese.

Sono infatti il 41.3% del totale i pensionati che percepiscono un reddito inferiore ai 1000 euro al mese, il 39% si colloca invece nella fascia immediatamente superiore. Significa che l’80% complessivo non supera i 2000 euro. Il 13.7% riesce a centrare lo scaglione successivo, mentre solo il restante 6% supera i 3000 mensili.

L’analisi condotta dall’istituto nazionale di statistca prosegue sottolineando come il numero -in valore assoluto- dei pensionati sia sceso, sempre fra il 2012 e il 2013, di 200.000 unità. Allo stesso tempo è calato anche l’assegno per chi si è appena ritirato dal lavoro, con un reddito medio pari a 13.152 euro, di gran lunga «inferiore a quello dei cessati (15.303) e a quello dei pensionati sopravviventi (16.761), coloro cioè che anche nel 2012 percepivano almeno una pensione».

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

17 − 10 =