recupero livelli pre-crisi Cgia
Elaborazione ufficio studi Cgia su dati Istat e Prometeia

Roma, 8 gen – Mentre il governatore della Banca d’Inghilterra ammette candidamente che gli economisti, dal 2008 ad oggi, non ne hanno azzeccata una, arriva la Cgia di Mestre che – con la crudezza che contraddistingue da sempre le sue analisi – sposta ancora più n là l’uscita dalla crisi. Doveva avvenire quest’anno (ma è quasi un decennio che ogni 1 gennaio parte il momento buono), bisognerà aspettarne almeno altri 7. Fino al 2024, se tutto andrà bene.

Non parliamo ovviamente della crescita, dato più o meno acquisito anche se i numeri sono talmente ridotti da farla sembrare più una stagnazione mascherata, ma del ritorno ai livelli pre-crisi. “Il 2017 – spiegano dalla Cgia – sarà per il nostro Paese un anno in chiaroscuro”. E’ vero che “la pressione fiscale è destinata a scendere di 0,3 punti percentuali”, attestandosi al 42,3%, con il Pil che “dovrebbe aumentare di circa un punto, il numero degli occupati crescere di quasi 112.000 unità e l’esercito di disoccupati scendere di 84.000 persone”. A fronte di questi elementi positivi, però, a preoccupare l’ufficio studi degli artigiani mestrini è il tempo che servirà per ritornare al 2007, anno prima dello scoppio della bolla immobiliare americana.

“Stando ai dati di contabilità nazionale pubblicati dall’Istat e relativi al Pil reale – continua la nota – dovremmo recuperare gli 8,7 punti percentuali di Pil persi tra il 2007 e il 2013 solo nel 2024, vale a dire fra 7 anni”. Peggio va per gli investimenti, che recupereranno non prima del 2032. In quella stessa data, vale a dire fra 15 anni, è previsto il rientro del tasso di disoccupazione (raddoppiato fra 2007 e 2013) al 6% del 2007. Nella migliore delle ipotesi, insomma, abbiamo perso qualcosa come 17 anni. Nella peggio, gli anni diventano 26. Ammesso e non concesso che queste elaborazioni di lungo periodo possano reggere alla prova dei fatti.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro × due =