Primato Nazionale: la metropolitana di Lima parla italiano

metropolitana milaneseLima, 4 nov – Mentre la linea 4 della metropolitana di Milano -che dovrebbe, dopo cinquant’anni, mettere in diretta comunicazione l’aeroporto di Linate con il centro cittadino- si trova in una fase di stallo, con il comune alla ricerca di una difficile quadra finanziaria, la società di ingegneria incaricata di progettazione e realizzazione dei sistemi di trasporto sotterraneo del capoluogo lombardo non resta certo con le mani in mano.

Stiamo parlando di Metropolitana Milanese, società per azioni controllata dal Comune di Milano che, in joint venture con operatori internazionali, si è aggiudicata una gara dell’agenzia governativa per la progettazione della nuova linea 3 della metropolitana della capitale del Perù. La linea si estenderà per 30 km e Metropolitana Milanese partecipa, come mandante, con una quota del 15% insieme a partner spagnoli e locali. Il valore complessivo del contratto è pari a circa 10 milioni di euro.

«A pochi giorni dai festeggiamenti del 50esimo di M1 mettiamo a frutto il know how accumulato negli anni nel costruire infrastrutture e reti», ha affermato il presidente di Metroplitana Milanese Davide Corritore, che prosegue: «Ciò che conta non è tanto il valore economico del contratto che abbiamo vinto, ma il significato strategico dell’operazione. Prima di tutto è un riconoscimento alle competenze che la nostra società ha sviluppato nel settore dell’ingegneria per la mobilità pubblica. Un made in Italy delle infrastrutture che sta riscuotendo successo nel mondo. In secondo luogo, il contratto in Perù costituisce uno sprone per cogliere ulteriori opportunità in altre aree del pianeta».

Non è la prima volta che l’Italia si fa largo nel paese sudamericano. Non più tardi di questa primavera, infatti, per la stessa metropolitana di Lima l’avevano spuntata Ansaldo Sts e AnsaldoBreda, con una concessione della durata di 35 anni per la costruzione e l’esercizio della linea 2 e di un tratto della linea 4.

Filippo Burla


Print Friendly

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.