prodiRoma, 8 nov – “Francia, Italia e Spagna dovrebbero battere i pugni sul tavolo, ma non lo stanno facendo perchè si illudono di poter andare avanti da soli”. E’ un insolito Romano Prodi quello intervistato da Ambrose Evans- Pritchard sulle colonne del Telegraph. Mr Euro, così viene appellato dal giornalista inglese, l’ex premier del centro sinistra italiano, si è scagliato contro le politiche germano-centriche dell’Ue aggiungendo che “se la Germania continuerà a imporre la rovina in Europa, e l’euro dovesse spezzarsi, con un tasso di cambio nel Nord Europa e uno nel Sud Europa, raccoglierà quanto ha seminato”.

Colui che ha fatto carte false per traghettare la nostra economia dell’area euro, oggi incita il fronte latino e avverte la Germania che non venderà in Europa più una sola Mercedes se continuerà con queste “politiche ossessionate dall’inflazione, come i teenagers lo sono dal sesso. Gli imprenditori tedeschi sono a conoscenza di tale situazione ma tutto quello che riescono a fare si traduce in cambiamenti modesti, che non bastano per porre fine alla crisi”.

Prodi avverte chiaramente che l’esito delle elezioni tedesche non cambierà nulla: “L’opinione pubblica tedesca è convinta che qualsiasi stimolo economico a favore dell’economia europea sia un aiuto ingiustificato a favore degli inetti del sud, a cui ho l’onore di appartenere. Ma i tedeschi continuano a non capire che il vero problema oggi è la deflazione, ed è un anno che lo vado ripetendo”.

L’ex premier si scaglia contro le politiche di austerity, e afferma che è ovvio da molto tempo che l’Italia non riuscirà a ripristinare il controllo sui propri conti pubblici in condizioni di recessione. “Il rapporto debito/Pil è in crescita da tre anni nonostante l’austerity. Questa politica economica è fallimentare”. In effetti, stando al Fiscal Monitor del Fondo Monetario Internazionale il rapporto debito/Pil è stato al 119,3% nel 2010, al 120,8% nel 2011, al 127% nel 2012 ed è al 132,3% nel 2013. Ma le parole dell’ex premier, per quanto audaci, risultano fuori tempo massimo.

Difficile ipotizzare che Romano Prodi abbia avuto un qualche ripensamento o addirittura pentimento nei confronti di quella sua gestione economica che fece andare a cozzare l’Italia contro il muro granitico della moneta unica. Tempi forzati e un cambio – euro/lira –  che ha letteralmente strozzato imprenditori e produttori con reddito fisso, per non tacere del contributo che l’ex premier ha dato alla stesura di quei piani europei che oggi dopo dieci anni hanno fatto, e stanno facendo chiudere e/o delocalizzare centinaia di attivita’ industriali.

E pensare che qualcuno fece di tutto per farlo rientrare dal portone principale della politica italiana candidandolo a Presidente della Repubblica.

Giuseppe Maneggio

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

8 − 7 =