tasRoma, 23 Ott – Tra Novembre e Dicembre le imprese italiane dovranno pagare ben 25 differenti imposte. Che a conti fatti sono una scadenza da onorare ogni due giorni. Un vero e proprio salasso che vale circa 91 miliardi di euro, secondo la Cgia di Mestre, che aggiunge:

“Si tratta di una pioggia di scadenze che potrebbe mettere in seria difficoltà moltissime piccole imprese a causa della cronica mancanza di liquidità. Un periodo, quello di fine d’anno, molto delicato per le aziende: oltre all’impegno con il fisco, devono corrispondere anche le tredicesime ai propri dipendenti. E con il perdurare della crisi, questo impegno economico costituirà un vero e proprio stress test“.

E a proposito di lavoratori e contribuenti in generale, anche per loro quest’ultimo scorcio di 2014 non sarà per niente dolce: nel corso dell’anno infatti, sempre stando alle rilevazioni Cgia, gli italiani hanno dovuto mettere mano al portafoglio un centinaio di volte, per pagare tasse a volte davvero fantasiose, come l’addizionale regionale all’accisa sul gas naturale (praticamente una tassa sulla tassa) o l’imposta provinciale di trascrizione, prevista per l’acquisto di una macchina nuova, o ancora “l’imposta sulle riserve matematiche”, la “sovraimposta di confine” su fiammiferi.

Una lista lunghissima di tasse che porterà a un incasso finale (per lo Stato e le Autonomia locali) di 487,5 miliardi di euro. Che, sommati ai 216 miliardi dei contributi sociali, permetteranno alle amministrazioni (centrali e periferiche) di festeggiare la fine dell 2014 con un gettito fiscale complessivo di quasi 704 miliardi di euro.

Francesco Benedetti

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due × 2 =