Damasco, 20 apr. – I caccia di Assad sono stati spostati nei pressi della base russa di Hmeymim, a Latakya. Lo ha riferito la CNN, citando funzionari della difesa degli Stati Uniti. Una decisione presa all’indomani del bombardamento americano in Siria, che ha provocato l’abbattimento di un quinto della forza aerea di Damasco nella base di Shayrat. La scelta di trasferire gli aerei siriani a Latakia è per difendersi da altri attacchi americani. Hmeymim, insieme a quella di Tatrus, è una delle principali basi russe in Siria, dove ha sede l’alto comando russo nel Paese. A Hmeymim i russi hanno riferito di aver sistemato sistemi avanzati anti-missile e per questo Damasco ritiene che gli Stati Uniti potrebbero essere più riluttanti a condurre un nuovo attacco in un luogo così vicino alla truppe russe e ai loro sistemi anti aerei.

Ma dietro alla mossa di trasferire i caccia vicino alla base russa c’è anche una precisa strategia. In questo modo gli ufficiali siriani possono avere accesso agli avanzati strumenti di sorveglianza e monitoraggio dei cieli dei russi, potendo controllare così tutti i movimenti dei vari aerei che sorvolano lo spazio aereo siriano. Dando l’accesso alla base di Hmeymim i russi hanno permesso a Damasco di aumentare e aggiornare le capacità operative della sua intelligence.

Intanto la Francia ha riferito di avere le prove che l’attacco a Khan Sheikhoun dei 4 aprile scorso è stato condotto con il gas sarin, e chel’intelligence francese nei prossimi giorni fornirà queste prove, certi della colpevolezza di Assad. “C‘è un’indagine in corso da parte dei nostri servizi segreti e dell’intelligence militare, è una questione di giorni”, ha annunciato il ministro degli Esteri francese Jean-Marc Ayrault alla tv dell’assemblea nazionale LCP. “Abbiamo elementi che ci permetteranno di mostrare che il regime ha usato armi chimiche consapevolmente”. Anche l’Organizzazione per la Proibizione delle Armi Chimiche (Opac) ha fatto sapere che dalle analisi effettuate sui campioni delle vittime è emersa la prova “incontrovertibile” che il 4 aprile nel raid aereo sul villaggio siriano di Khan Sheikhun è stato usato il letale gas nervino sarin, o una sostanza simile. E alti funzionari della Difesa israeliana hanno affermato che il governo di Damasco sarebbe ancora in possesso di tonnellate di armi chimiche. “Tra una e tre”, riferiscono le fonti.

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

1 commento

  1. Grande Putin!
    I servizi segreti francesi che accusano la Siria del lancio di bombe chimiche fanno parte dello stesso governo che ha preteso la distruzione dei filmati di sorveglianza che hanno ripreso l’attentato con camion a Nizza il 14/07/2016?

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

sei + 18 =