playstationPechino 12 ott – Più di mille studenti dell’ Istituto di Tecnologia della città di Xi’an, secondo la stampa cinese, sono stati costretti a lavorare illegalmente nella fabbrica della Foxconn Grop, la stessa che produce gli i-Phone 5, per costruire le consolle Play Station 4. O così o niente laurea.

Gli studenti avrebbero dovuto svolgere nella fabbrica un normale tirocinio per conseguire dei crediti formativi. Invece di eseguire attività relative ai loro studi, i malcapitati universitari sono stati assegnati allo stabilimento di assemblaggio di Yantai, dove sono stati costretti a lavorare giorno e notte oltre l’orario consentito. In seguito all’accaduto, la Foxconn ha dichiarato: “Sono state adottate misure per garantire che l’impianto in questione fosse in linea con le nostre regole, soprattutto quelle che vietano il lavoro notturno non pagato. Crediamo fermamente che i programmi di tirocinio dovrebbero dare l’opportunità di acquisire esperienza nel lavoro manuale per aiutare gli studenti a trovare un lavoro dopo l’università”.

Questa non è la prima volta che Foxconn viene accusata di violazioni dei diritti del lavoro in Cina . Nel 2010, si scatenò una tempesta dopo una serie di suicidi nelle fabbriche Foxconn che producevano i-Phone e i-Pad. La colpa fu data alle condizioni di lavoro terribili e alla costante pressione che i lavoratori subivano.

Roberto Guiscardo

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

diciannove − 13 =