Kim JongPyongyang, 4 gen – “Abbiamo intrapreso azioni risolutive per eliminare una fazione di feccia dal nostro partito e questa epurazione dagli elementi antirivoluzionari lo ha rafforzato”. E’ uno stralcio del rituale discorso alla nazione in occasione della fine dell’anno, leggermente diverso, nei contenuti e nei toni, dai sermoni ai quali siamo abituati da anni sulle nostre emittenti. Fra le varie accuse che si possono rivolgere al leader nordcoreano Kim Joung-un, a iniziare dalla pettinatura, non compare certo la stucchevole retorica del buonismo politico.

 

Il Brillante Compagno ha annunciato senza molti giri di parole di aver fatto condannare a morte lo zio, ed ex consigliere, Jang Song-tahek, insieme ai suoi collaboratori più stretti. L’accusa è quella di aver cercato di creare una corrente interna al partito unico per soddisfare ambizioni politiche personali; Jang Song, inoltre, sarebbe stato pubblicamente indicato come personaggio dalla condotta morale “decadente”, dedito al consumo di droghe e alla frequentazione di prostitute. Mistero, invece, circa la fine della moglie Kim Kyong-hui, militare ed ex responsabile dell’industria nordcoreana, sparita dopo la condanna a morte del marito emessa dalla Corte marziale lo scorso dicembre.

 

La vicenda politica si chiude qui e apre le porte ai contorni quasi cinematografici riguardo alla fine del decadente e cospiratore zio Jang Song. L’agenzia cinese Wen wei po ha riportato i particolari dell’esecuzione, raccontando una scena degna della regia del miglior Takeshi Kitano: Jang Song sarebbe stato spogliato e gettato nudo all’interno di una gabbia piena di 120 cani tenuti a digiuno da tre giorni. Pare che all’esecuzione abbia assistito lo stesso Kim Kyong, insieme a 300 ufficiali dell’esercito, impassibili  di fronte al corpo dilaniato per oltre un’ora dai cani affamati.

 

Francesco Pezzuto

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

11 + 16 =