Datagate, Obama e Hollande fanno (quasi) pace al telefono

ap_snowden_hong_kong_protest_lt_130613_wg-3Parigi, 22 ott – “Gli Stati Uniti hanno iniziato a rivedere il modo in cui raccogliere informazioni”. Lo dice Barack Obama al telefono col presidente francese Hollande dopo che la Casa Bianca, in mattinata, ha minimizzato la vicenda “Datagate” affermando che gli Usa si procurano dati e informazioni all’ estero “come tutti gli altri Paesi”. Obama ha ribadito la “piena amicizia” alla nazione francese affondando, nel contempo, un colpo alla stampa “colpevole” di aver “distorto le nostre attività”. Tuttavia dall’ altro capo del telefono ha trovato un Hollande irrigidito per i circa 70 milioni di telefonate intercettate in quella che è si una nazione alleata degli Usa ma che da sempre è gelosa di quella piccola autonomia che il gollismo le ha regalato in passato.

Alla fina lo stesso Obama è stato costretto ad ammettere che certe attività “sollevano interrogativi legittimi”. Il governo francese, formalmente, fa pervenire note di “ profondo biasimo” per quelle “pratiche inaccettabili fra alleati e amici, che oltraggiano la vita privata dei cittadini francesi”.

Un ennesimo capitolo della saga Snowden – ex consulente della NSA – agenzia di sicurezza americana che secondo il quotidiano Le Monde su un periodo di trenta giorni, dal 10 dicembre 2012 all’8 gennaio 2013, avrebbe effettuato, nella sola Francia, 70,3 milioni di registrazioni di dati telefonici.

. ”Gli abbiamo ricordato che questo tipo di pratiche tra partner è completamente inaccettabile e che vogliamo avere la garanzia che non abbiano più luogo”, afferma una nota dell’ ufficio stampa del Quai d’ Orsay il vicedirettore Alexandre Giorgini, mentre il premier Jean-Marc Ayrault si dice “profondamente scioccato” e afferma che ”è inverosimile che un Paese alleato come gli Stati Uniti possa spingersi fino al punto di spiare così tante comunicazioni private che non hanno alcuna giustificazione strategica o di difesa nazionale”, chiedendo a Washington ”risposte chiare, che giustifichino i motivi per cui si è fatto ricorso a queste pratiche, e soprattutto la creazione di condizioni di trasparenza per porvi fine”

Intanto il presidente  Hollande, nel prossimo vertice del 24 e 25 ottobre a Bruxelles, proporrà ”un regolamento sulla protezione dei dati personali”.


La vicenda della “talpa” Snowden, che a breve diventerà un film, sembra ancora tenere banco e le ripercussioni politiche si accendono in ogni parte del globo: dal Messico, dove persino la mail privata del presidente era spiata, alla vecchia Europa, alleato storico degli Usa che tuttavia comincia a intravedere uno spiraglio di “autonomia” in difesa, se non altro, della privacy dei suoi cittadini.

Alberto Palladino

Print Friendly
Image Donation-Banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.