001 Libia Pozzo del gas dell'Eni piste di Ghadames_resizeTripoli, 31 ott – Una nave dell‘Eni è stata assaltata ad ovest di Tripoli, nel porto di Mellitah, da un gruppo di miliziani berberi “amazigh” armati di tutto punto. E’ stato così occupato il terminal più importante dell’Eni in Libia, qui infatti riceve il trattamento finale il gas naturale che giunge dai siti più a sud di Wafa e Bahr Essalam e prosegue il gasdotto Greenstream che porta il gas fino a Gela, in Sicilia. I miliziani hanno avvertito subito: “o rispondete alle nostre richieste oppure blocchiamo tutto e chiudiamo anche il gas per l’Italia”. Lo stesso gruppo di assalitori berberi aveva attaccato il gasdotto a Wafa costringendo l’Eni a ridurre del 50% la portata del tubo. Adesso la minaccia si fa più seria e l’instabilità del governo libico non fa ben sperare.

Pochi giorni fa in Cirenaica è stato creato un governo autonomo con capitale Bengasi e i berberi “amazigh”, che costituiscono il 10% circa della popolazione libica, con questi attacchi continuano a chiedere riconoscimenti, pretendendo ad esempio una rappresentanza nella nuova Assemblea costituente, il diritto di veto nel futuro Parlamento nazionale e l’inserimento della loro lingua tra quelle ufficiali della Libia. Nel Paese nordafricano crescono le richieste di autonomia da parte delle etnie più forti, si proclamano governi indipendenti con tanto di ministeri come nel caso della Cirenaica, aumenta la criminalità con assalti a banche e furgoni blindati e di fronte a tutto ciò le autorità nazionali sembrano impotenti.

In questo quadro poco roseo che raffigura la situazione del Paese post Gheddafi, i siti di produzione del gas Eni sono sempre più a rischio e di conseguenza i rifornimenti verso il nostro Paese. Anche perché, secondo fonti diplomatiche italiane: “ormai qualunque protesta anche improvvisata prende di mira i siti di produzione di energia”. Eppure la Libia non può permettersi di subire attacchi di questa portata considerando che il 90% del Pil del Paese è costituito dai proventi dell’estrazione di gas e petrolio. La stabilizzazione libica è quindi fondamentale ma non sembra affatto facile e soprattutto appare grottesco che a chiederla a gran voce siano i Paesi che hanno scatenato una guerra destabilizzante, con esiti a dir poco disastrosi sia sul piano economico sia per quanto riguarda il contenimento dei flussi migratori.

Eugenio Palazzini

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

quattro + undici =