saudRoma, 19 ott – L’accordo sulla questione siriana indispettisce l’Arabia Saudita, che i terroristi ad Aleppo e dintorni li finanzia sin dall’inizio del conflitto. L’iniziativa russa che ha sventato l’attacco occidentale a Damasco ha talmente infastidito Riad che, a sorpresa, ha rinunciato al seggio appena ottenuto al Consiglio di Sicurezza dell’Onu come membro non permanente (e dunque senza diritto di veto).

L’organismo, spiega un comunicato del governo saudita, è in realtà “incapace di porre fine alle guerre e trovare una soluzione ai conflitti”. L’Arabia “ritiene che i metodi, gli strumenti di lavoro, i doppi pesi e le doppie misure adottate attualmente dal Consiglio di Sicurezza rendano l’organo incapace di svolgere i suoi doveri e di assumersi la responsabilità nei confronti del mantenimento della sicurezza e della pace e contribuiscano ad approfondire il divario delle ingiustizie dai popoli e a violentare i diritti”.

La rinuncia all’intervento militare in Siria grazie al blitz diplomatico russo non è del resto l’unico motivo di disappunto per Riad. Anche il disgelo fra Usa e Iran – dietro a cui, peraltro, sembra ci sia ancora Mosca – ha segnato un ulteriore isolamento di re Abdullah, sempre più vicino a Israele in una posizione di intransigenza anti-siriana e anti-iraniana che ormai non trova più alcun credito a livello internazionale. Un’unità di intenti che si estende dall’Egitto (entrambi i paesi guardano con favore al golpe militare che ha deposto Morsi), a Gaza (dove Hamas non è benvisto da nessuno dei due).

 

Commenti

commenti

CONDIVIDI
Articolo precedenteNuove verità sul rapporto fra Chiesa e fascismo
Prossimo articolo“Effetto Giannino” al Comune di Roma
Adriano Scianca
Giornalista e scrittore, classe 1980. È laureato in Filosofia presso l'università La Sapienza di Roma ed è giornalista iscritto all'Ordine dei professionisti. Ha collaborato con i quotidiani Libero e Il Foglio e lavorato nella redazione del Secolo d’Italia. Scrive abitualmente per il quotidiano La Verità. Ha scritto i saggi Riprendersi tutto, tradotto anche in francese, Ezra fa surf, L'identità sacra e Contro l'eroticamente corretto. È responsabile nazionale della cultura per CasaPound Italia.

1 commento

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

2 × cinque =