-Parigi, 14 ott – Non è bastato il “fronte repubblicano” a fermare al secondo turno il candidato del Front National alle cantonali di Brignoles, nella regione di Marsiglia. Nonostante l’invito del Ps a sostenere il candidato moderato dell’Ump al ballottaggio, Laurent Lopez ha raggiunto il 53,9% al secondo turno, guadagnando quasi 14 punti percentuali rispetto al 40% della prima tornata di domenica scorsa.

Il risultato è ancora più significativo se si considera che la mobilitazione tra i due turni, spinta anche dalla grande rilevanza che il test elettorale ha avuto a livello nazionale, ha fatto crescere la percentuale dei votanti dal 33% del primo turno al 45% del secondo.

Secondo una prima analisi dei flussi pubblicata oggi dal quotidiano francese Le Monde, il candidato del Front sarebbe riuscito a recuperare 1700 voti tra gli astensionisti, mentre la candidata dell’Ump ne avrebbe guadagnati solo 900. Si tratta di un fatto nuovo, visto che il Fn tradizionalmente nei ballottaggi riusciva a conquistare solo una piccola percentuale di voti rispetto al primo turno. E’ questa dunque la novità che spaventa gli avversari: un partito capace di mobilitare anche al secondo turno, e recuperare consensi a destra, a sinistra e tra gli astensionisti, potrebbe diventare molto più pericoloso di quanto lo sia stato in passato, già a partire dalle municipali dell’anno prossimo.

Intanto, il giorno dopo il voto, Ps e Ump si rimpallano le colpe della sconfitta: secondo il primo ministro socialista Jean-Marc Ayrault, sarebbe da attribuire all”Ump la responsabilità di non essere riuscito a mobilitare sufficientemente l’elettorato al secondo turno, mentre per il partito di centrodestra la vittoria del Front sarebbe da addebitare al cattivo governo dei socialisti.

Comprensibilmente trionfalistici invece, i toni del quartier generale del Front National: secondo la deputata Marion Maréchal-Le Pen, nipote del leader storico Jean Marie, presente ieri sera a Brignoles per festeggiare la vittoria di Lopez, “i francesi non sono più disposti a cedere al ricatto psicologico e alla demonizzazione del Fn”. Per Marine Le Pen, leader del movimento e candidata alle presidenziali dell’anno prossimo, la vittoria del suo candidato conferma “la morte del fronte repubblicano”.

Cristiano Coccanari

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

tre × 4 =