Non è un paese per Kyenge/1: Cina

cina_2_(380_x_252)Pechino, 7 ott – In Cina, paese di emigranti, vige lo ius sanguinis e la legge sulla cittadinanza è molto ferrea. Il quarto articolo della legge sulla cittadinanza, adottata durante la Terza Sessione della Quinta Assemblea Popolare Nazionale della RPC del 10 settembre 1980, recita: “Chi è nato in Cina da genitori cinesi o con un genitore cinese, ha cittadinanza cinese”. Molto importante è il successivo articolo che recita: “Chi è nato in uno stato estero da genitori cinesi o con un genitore cinese ha cittadinanza cinese. Ma il figlio di genitori cinesi o con un genitore cinese stabilmente residenti all’estero, che abbia acquisito la cittadinanza estera alla nascita, perde la cittadinanza cinese”, la cittadinanza è dunque in Cina un elemento esclusivo, non inclusivo.


Diventare cittadini cinesi infatti sarà ancora più difficile dopo la nuova legge sull’immigrazione entrata in vigore il 1 luglio 2013. La norma, approvata dal Comitato Permanente dell’Assemblea nazionale del Popolo, prevede la riduzione della durata del permesso di soggiorno da 180 a 90 giorni, dure sanzioni per gli immigrati irregolari, con multe fino a 10 mila yuan o, in alcuni casi, condanna a detenzione da 5 a 15 giorni, divieto di ingresso per 10 anni riservato a chi commetterà gravi violazioni e, infine, multe salate anche per i datori di lavoro, 10mila yuan per ogni impiegato clandestino, fino ad un massimo di 100mila yuan. Pugno di ferro dunque per i cinesi che, pur in un momento di boom economico, non svendono la cittadinanza a buon mercato. Ad esempio, secondo l’articolo 62 della norma, gli stranieri che entrano, risiedono o lavorano irregolarmente in Cina possono essere rimpatriati e gli sarà vietato loro rientro in Cina per un periodo pari a 5 anni. Interessante notare la collaborazione tra Stato, Università e imprese che dovranno dichiarare al governo i dati sugli stranieri.

Diverso il discorso per il personale e la manodopera qualificati provenienti dall’estero, che saranno dotati di speciali permessi e di trattamenti specifici per quanto riguarda la previdenza sociale, le imposte, le cure mediche e l’istruzione dei figli. Da queste norme si evince la volontà della Cina di rendere impervio l’iter per divenire cittadini cinesi, in particolar modo per la manodopera a basso costo proveniente dal sud-est asiatico.

Michael Mocci

Print Friendly
Image Donation-Banner

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.