(FILES): Thyis 25 January 2006 file photRoma, 24 giu – Se questa è un’alleanza. L’Atlantico è sempre più largo, dopo la pubblicazione, da parte di WikiLeaks, del testo di alcune intercettazioni della National Security Agency (Nsa) contro i più alti livelli della politica francese.

Si scopre così che “l’alleato” americano ha spiato i presidenti francesi Jacques Chirac, Nicolas Sarkozy e François Hollande e i loro più stretti collaboratori.

L’imbarazzo, a Washington, è palese e alla fine la Casa Bianca riesce soltanto a replicare che “noi non stiamo intercettando le comunicazioni del presidente Hollande né mai lo faremo”, lasciando intendere che la cosa vale solo per il presente e per il futuro, non per il passato.

I presidenti francesi sarebbero stati intercettati per almeno 6 anni, dal 2006 al 2012.

Il report più recente è del maggio 2012 e riguarda Hollande in relazione a una conversazione non ufficiale avvenuta con l’Spd, vale a dire l’opposizione tedesca, senza che la Merkel ne sapesse nulla. Dalle intercettazioni del 2006 su Chirac spunta la notizia della sua intenzione di nominare un ambasciatore non gradito a Washington. Sarkozy è stato ascoltato almeno in tre occasioni: nel 2008, in particolare, è stata registrata la sua insoddisfazione per gli errori degli americani nella crisi economica mondiale, e la sua intenzione di “farsi avanti per risolvere la crisi finanziaria”.

Hollande ha deciso di convocare, per questa mattina, un consiglio di difesa.

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

due + sette =