Parigi, il “pazzo isolato” di Orly aveva benzina nello zaino e invocava Allah

Parigi terrorismoParigi, 18 mar – E’ di nuovo allarme terrorismo in Francia. Un uomo di 38 anni, musulmano di passaporto francese, già tenuto sotto osservazione dai Servizi antiterrorismo perché sospettato di essersi recentemente radicalizzato, è stato freddato ieri mattina all’aeroporto di Orly, dove ha tentato di rubare l’arma a una soldatessa di pattuglia.

Ziyed Ben Belgacem, l’assalitore, è arrivato allo scalo parigino dopo aver rubato due auto. Giunto al Terminal Ovest ha rubato un mitra ad una soldatessa e a quel punto è stato freddato da due agenti che si trovavano sul posto. Ai due militari ha urlato: “Deponete le vostre armi, sono qui per morire per Allah, in ogni caso ci saranno dei morti”. L’assalitore ha inoltre gettato a terra uno zaino con una tanica di benzina. All’interno sono stati trovati anche 350 euro, un accendino, un pacchetto di sigarette e un Corano. Presso il suo domicilio sono stati ritrovati alcuni grammi di cocaina e due machete.

Lo scalo, dove in quel momento transitavano 3 mila passeggeri, è stato in un primo momento evacuato. Adesso il Terminal Ovest è stato poi riaperto ma all’aeroporto il traffico in arrivo e in partenza è ancora paralizzato. Stando alle prime ricostruzioni, l’uomo è stato fermato ieri mattina intorno alle 7 durante un posto di blocco a Stains, banlieue nord di Parigi. L’uomo ha dapprima forzato i controlli, per poi sparare contro un poliziotto. Avrebbe poi rubato un’auto a una donna dopo averla minacciata, prima di dirigersi verso l’aeroporto. Lungo il tragitto avrebbe cambiato auto, sempre rubandola. Secondo la tv francese Bfm, il padre e il fratello del terrorista ucciso sono stati fermati dai servizi antiterrorismo.


Eugenio Palazzini

Print Friendly
Image Donation-Banner

2 Risponde a Parigi, il “pazzo isolato” di Orly aveva benzina nello zaino e invocava Allah

  1. Dino Rossi 19 marzo 2017 a 14:14

    ….ma quale pazzo era semplicemente incazzato perché a forza di smascellare gli facevano male i denti ed il suo dentista era in ferie. Scherzi a parte se ne facessero fori 1000 al giorno di questi dementi non perderei un ora di sonno. Leggere i tuoi articoli è sempre un piacere.

    Rispondi
  2. Roberto 19 marzo 2017 a 17:45

    Corano e cocaina, perfetta stigmatizzazione della dicotomia che vivono questi “nuovi europei”.

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.