albaE’ davvero una strana inchiesta quella che ha portato al giro di vite contro Alba Dorata, il partito nazionalista greco accusato dalla magistratura ellenica di essere una associazione a delinquere. I fatti sono noti: il 17 settembre il rapper di sinistra Pavlos Fyssas è stato ucciso al termine di una rissa nata in un locale per futili motivi. L’assassino è stato accusato di essere un simpatizzante di Alba Dorata. Poiché, tuttavia, persino nella Grecia governata con pugno di ferro dalla troika la responsabilità penale è ancora individuale, occorreva trovare un modo per estendere un’indagine in grande stile dal presunto simpatizzante a tutto il movimento. L’indagine sulla morte di Fyssas si è quindi intersecata con la messa sotto accusa dell’intera Chrysì Avgì come associazione eversiva dedita alla violenza sistematica. La rissa in cui è morto il rapper avrebbe quindi avuto una regia lucida le cui responsabilità arriverebbero sino al leader stesso del terzo partito di Grecia.

 

In un crescendo di allarmismi non si capisce quanto fondati, il blitz contro oltre trenta esponenti del movimento nazionalista è stato spiegato addirittura con la necessità di sventare un golpe in atto. Come è stata giustificata questa accusa enorme? L’inchiesta si struttura su almeno quattro livelli.

 

1) Il governo greco sarebbe stato innanzitutto allertato da un’informativa dei servizi segreti greci e israeliani. L’informativa faceva riferimento al 28 settembre come la data prevista per il colpo di stato. Da qui l’accelerazione della repressione. Trattandosi di informative riservate, di servizi segreti, di indiscrezioni non confermate, è difficile saperne di più. L’efficienza dei servizi segreti israeliani non è certo in discussione, così come, però, una loro tendenza alla “informativa facile” quando si tratta di colpire Stati o movimenti ritenuti pericolosi (vedi le rassicurazioni sulla responsabilità siriana nell’attacco chimico del 21 agosto, sulle prime prese come oro colato dalle potenze occidentali e in seguito ritenute sempre meno affidabili). Su questo livello, tuttavia, sono possibili solo congetture. Ma questo vale anche per i “colpevolisti.

 

2) Si è anche parlato di infiltrazioni di Alba Dorata nelle forze di polizia. Sul punto, tuttavia, è difficile dire di più rispetto alla nota ufficiale del ministro della Difesa Dimitris Avramopoulos: “Non c’è stato alcun coinvolgimento o partecipazione nella gestione attiva delle forze speciali delle forze armate da parte di membri di Alba dorata”. Dato che il governo greco non è esattamente amico di Chrysì Avgì, una dichiarazione di una tale nettezza appare definitiva. Di sicuro si sa che una percentuale vicina al 50% dei poliziotti greci avrebbe votato per Alba Dorata alle elezioni parlamentari greche del giugno 2012. Il che, avendo ancora gli appartenenti alle forze dell’ordine greche dritto di voto, non è peraltro una colpa.

 

3) C’è poi la tesi del “doppio livello”: Alba Dorata avrebbe una struttura politica e una militare. A testimoniare tale tesi, le confessioni di alcuni “pentiti”, rigorosamente anonimi, che hanno raccontato le loro scomode “verità” sul volto reale del movimento. Si è parlato di squadre paramilitari pronte all’azione e di sedi piene i “catene e manganelli”. Un golpe fatto a catenate? La ricostruzione dei pm ha inoltre teorizzato il doppio livello facendo riferimento allo statuto che prevede espressamente la separazione delle due attività (politica e attivistica). Eversivi e pure idioti, questi greci che scrivono sullo statuto di celare gruppi paramilitari dietro la facciata politica. Gli stessi pm hanno sottolineato che questa struttura organizzativa sarebbe identica dal 1989. E ci hanno messo 24 anni per scoprirli?

 

4) La prova più surreale del preteso golpe è infine quello che fa riferimento all’attività web di militanti e simpatizzanti. E’ stata data molta rilevanza, anche sui media italiani, all’articolo scritto da Ourania, figlia di Mikalioliakos, leader di Alba dorata, sul portale del partito: “Chiedete a voi stessi quanto siete disposti a sacrificare e quanto effettivamente avreste da perdere. Chiedete a voi stessi fin dove siete disposti ad andare. Sì, pochi sanno esattamente cosa voglio dire. Chiedetevi se si può perdere tutto, ma proprio tutto, per un’idea, la nostra idea. Basta chiedere a se stessi. Si può essere uno di noi, si può vivere solo per un’idea? Posso? Possiamo?”. Se questo è un invito al golpe, poteva certo essere più esplicito e meno retorico. E forse anche più riservato (ma l’idea del golpe annunciato via internet fa il paio con quella dell’ala paramilitare messa a verbale nello statuto). Qualche giornale ha anche parlato dei gruppi “militaristi” a cui sarebbe iscritto su Facebook il comandante in pensione Sotiris Tziakos, il capo designato della Grecia post-golpe. Caspita, un ex militare che segue pagine militariste: quando si dice uno scoop…

 

Insomma, a una prima occhiata, l’idea di un imminente colpo di stato nazionalista non regge. Tanto più che fare un golpe è un’impresa mica da ridere. Servono contatti reali, qualificati con l’esercito, non qualche trombone in pensione o qualche celerino manesco. Servono armi che non siano l’arsenale adatto a una scaramuccia fra ultras. Serve una organizzazione paramilitare interna ferrea, e qui ci si scorda che solo pochissimo tempo fa Alba Dorata era un partito dall’1% e che è improbabile che la crescita di consensi sia dovuta all’ingresso di frotte di soldati politici pronti a tutto. Qualche dubbio, del resto, devono averlo gli stessi giudici istruttori che dopo un lungo interrogatorio hanno incriminato quattro deputati di Alba Dorata ma hanno disposto il rilascio di altri tre in libertà vigilata (Kasidiaris, Panagiotaros e Michos). Pericolosi eversivi rimessi in libertà dopo pochi giorni di carcere?

 

In attesa di avere reali elementi concreti per giudicare la fondatezza di accuse che per ora sembrano un po’ campate per aria, resta da capire a che punto sia la democrazia in Grecia. E’ in effetti strano, al di là di qualsiasi giudizio di valore, che uno Stato messo in ginocchio dai diktat di organizzazioni sistematicamente sottratte al voto popolare possa mettere in piedi su basi tanto fragili un giro di vite contro il terzo partito del Paese. Le stesse garanzie formali previste dall’ordinamento greco sembrano essere state sospese: in Grecia, come da noi, vige l’immunità parlamentare ma il ministro degli interni Nikos Dedias ha scritto una lettera al Procuratore della Corte Suprema Euterpi Koutzomani, per chiedere di sospenderla per i deputati di Alba dorata, definendoli membri di un’organizzazione criminale. E’ la prima volta in Grecia, dal 1974, che alcuni deputati vengono arrestati senza che decada l’immunità parlamentare. Ad Atene, forse, un golpe c’è già stato, ma non per mano di Alba Dorata…

Giuliano Lebelli

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here