brexit repubblica guardian
I due articoli, Repubblica e Guardian: notare le date di pubblicazione

Roma, 7 gen – Se davvero Facebook aiuterà a ‘selezionare’ le notizie per evitare la diffusione di bufale sul social network, abbiamo già il primo candidato dell’anno per la censura online: la Repubblica. Il quotidiano di De Benedetti ci ha provato, cercando di addossare alla Brexit l’ennesima di una serie di colpe che con il referendum non hanno nulla a che vedere, ma gli è andata piuttosto male.

La notizia è che i pendolari inglesi pagherebbero tariffe ferroviarie sei volte più alte rispetto ai loro colleghi europei, arrivando a spendere quasi il 14% del loro stipendio rispetto al 2-4% che si registra nel resto del continente. La colpa? Ovviamente della Brexit, secondo Repubblica, che addossa alla scelta degli inglesi di uscire dall’Unione Europea l’incremento del 2,3% nel prezzo dei biglietti, dovuto essenzialmente all’aumento dell’inflazione dell’1,2% a novembre rispetto al +0,9% del mese precedente, provocata dalla svalutazione della sterlina a seguito dell’allentamento monetario varato dalla Banca d’Inghilterra da giugno ad oggi. Una relazione a cascata, quella che evidenzia la testata del gruppo L’Espresso, amplissima ed utilizzabile pressoché per qualsiasi motivo, da legare o meno al referendum, al fine di portare furbescamente l’acqua al proprio mulino. La relazione fra deprezzamento della moneta e aumento dei prezzi non è infatti scontata, dovendosi considerare una serie di ulteriori fattori per spiegare l’inflazione. Uno di questi potrebbe essere, ad esempio, il boom degli acquisti di beni e servizi registrato proprio nei mesi successivi la chiamata alle urne, ma che Repubblica si guarda bene dal considerare.

Al di là del ‘trucchetto’ poco professionale, la verità è che il rialzo nei prezzi dei biglietti del treno non ha alcun tipo di relazione con la Brexit. Niente da spartire con il voto di giugno, in alcun modo. A sbugiardare Mario Calabresi e redazione è il intervenuto il Guardian, ben un anno fa. Risale infatti al 4 gennaio 2016 un articolo nel quale il quotidiano inglese denunciava che i passeggeri di Sua Maestà pagano sei volte tanto – guarda caso, proprio il multiplo utilizzato pretenziosamente da Repubblica – rispetto ai pendolari d’oltremanica. Il motivo era spiegato chiaro e tondo: dall’epoca della privatizzazione avviata dal governo di Margaret Tatcher e conclusa nel 1997, la scelta – specialmente negli ultimi dieci anni, circostanza riconosciuta anche dal redattore dell’articolo, sia pur in via del tutto incidentale – è stata quella di spostare il peso del costo del servizio dalla fiscalità generale agli utilizzatori effettivi. Niente più “servizio pubblico” come è inteso nel resto d’Europa, ma liberalizzazione totale e conseguente aumento delle tariffe per tutti visto che la concorrenza in regime di monopolio naturale è una contraddizione, sia dal lato teorico che da quello dell’evidenza pratica. A parziale compensazione dei disagi la promessa era di accelerare sugli investimenti, ma le infrastrutture non sono particolarmente all’avanguardia e di alta velocità – nel paese che ha inventato le ferrovie – non se ne parla fino almeno al 2026. Altro che Brexit, qui siamo ai miracoli del liberismo più spinto. E a Repubblica dovrebbero saperlo bene.

Filippo Burla

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

11 + 19 =