Ignazio Marino e Matteo Renzi ai Fori ImperialiRoma, 24 set –  Il titolo potrà sembrare provocatorio, ma i numeri sono chiari: 600 euro in Lombardia e Puglia, 520 in Emilia Romagna, da 15 a 23 euro al massimo al giorno nel Lazio, zero nelle progressiste e “accoglienti” Umbria e Toscana, questi gli importi – denominati “assegni di cura” – che le regioni erogano alle famiglie italiane che abbiano in casa un anziano o disabile non autosufficiente. Si tratta peraltro di erogazioni sottoposte a stringenti limiti di ISEE e di condizioni dell’assistito. In più di un caso l’assegno è stato revocato perché, sottoposto a controllo, l’anziano si mostrava “collaborativo”. Una cifra che, purtroppo, spesso non basta da sola a garantire l’assistenza se contemporaneamente si lavora e si devono quindi pagare delle persone che si prendano cura dell’anziano o del disabile.

Novecento euro tondi tondi (30 euro al giorno) è invece la cifra che, secondo la proposta di Marino, andrebbe attribuita alle famiglie che decidono di ospitare uno o più immigrati. Naturalmente i soldi vanno moltiplicati per gli immigrati accolti: “adottando” quindi una coppia di immigrati riceverai 1800 euro. Una proposta folle destinata a cadere nel vuoto? Sembra proprio di no, perché il Ministero dell’Interno ha ricevuto oggi il sindaco di Roma e pare intenzionato a dar seguito all’iniziativa.

Se si dovessero dunque adottare criteri meramente economicistici, sarebbe amaramente conveniente abbandonare un anziano e accogliere a casa un immigrato. Ma al di là del paradosso – gli italiani, almeno su questo, sono decisamente migliori di chi li governa – rimane l’indecenza della proposta e il fatto che il Governo la stia prendendo in considerazione.

Ci perdonerete se ci asteniamo dal commentare. Sì, pensiamo esattamente quello che state pensando tutti voi. E ci limitiamo a parafrasare il motto ciceroniano : “Quousque tandem abutere patientia nostra?” Fino a quando abuserete della nostra pazienza?

Cristiano Coccanari

 

Vuoi rimanere aggiornato su tutte le novità del Primato Nazionale?
Iscriviti alla nostra newsletter.

Anche noi odiamo lo spam. Ti potrai disiscrivere in qualsiasi momento.

Commenti

commenti

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

1 × cinque =